Apprendistato e formazione per i migranti in Svizzera
Immagini articolo
Dalla fuga sui barconi
sino ai campi di mais
ANDREA BERTAGNI


Tesfu Ashonom ha le treccine a spazzola e una maglietta con la foto di un noto gruppo rock americano. Ce l’ha addosso anche ora che ha appena finito di lavorare nei campi dell’azienda agricola di Markus Remser, contadino di Illhart, nel canton Turgovia. "Lavoro sodo - dice Tesfu in un tedesco fluente - anche undici ore al giorno. L’importante per me è guadagnarmi da vivere e non dipendere più dall’aiuto sociale".
Tesfu è uno dei tanti rifugiati assunti nell’ambito di un progetto di integrazione che, come finalità, ha quella di fornire loro le necessarie competenze per inserirsi nel mercato del lavoro, in questo caso l’agricoltura. Un progetto che la maggior parte delle aziende agricole coinvolte ha considerato in maniera positiva. Tesfu ha imparato a mungere, a guidare il trattore, a vangare e a seminare. "Siamo molto contenti di lui - dice orgoglioso Markus Remser - ci sa fare con gli animali: quello che ci ha colpito di più è il suo amore per il giardinaggio".
Al progetto pilota lanciato a livello nazionale dalla Segreteria di Stato della migrazione e dall’Unione dei contadini hanno partecipato, tra il 2015 e il 2017, 17 aziende agricole (di cui una in Ticino) e circa 30 rifugiati: metà di loro al termine dell’iniziativa, costata circa 300mila franchi, hanno ricevuto delle offerte di impiego, gli altri sono stati assunti in un altro settore. "Anche io, avendone la possibilità, impiegherei un rifugiato". Giovanni Berardi, contadino e presidente di Agrifutura, associazione ticinese di agricoltori, ne è convinto. "Nei lavori agricoli - evidenzia - c’è sempre bisogno di personale tutto fare e in determinate situazioni i richiedenti l’asilo vanno benissimo". Tanto più, aggiunge Berardi, "che è anche un percorso che li spinge a continuare a formarsi. Non a caso già qualche anno fa, Agrifutura aveva organizzato una serata sul tema per sensibilizzare i propri aderenti".
A dimostrazione del successo dell’iniziativa pilota, nelle prossime settimane a livello nazionale prenderà il via un pre-tirocinio di integrazione in cinque cantoni: Berna, Argovia, Neuchâtel, Friborgo e Ticino. "I candidati del nostro cantone, al momento sono una decina di ragazzi - dice Sem Genini, segretario dell’Unione contadini ticinese -. Cominceranno con un’introduzione nell’Azienda agricola di Mezzana, seguirà un periodo formativo in azienda". Dopodiché "ci sarà una fase di orientamento e un altro periodo per lo sviluppo delle competenze di base". Tutto questo per arrivare "a inizio 2019 - continua Sem Genini - quando proseguiranno con un ulteriore stage in azienda". Al termine del progetto pilota, dice ancora il segretario dell’Unione contadini ticinese, "ci si è resi conto della necessità di strutturare percorsi formativi più articolati, con moduli formativi e stages per alleggerire le aziende che si mettono a disposizione". Detto, fatto.
Nel settore agricolo ticinese il progetto di pre-tirocinio di integrazione, che prenderà avvio nelle prossime settimane, è gestito sempre dalla Segreteria di Stato della migrazione ed è coordinato dalla Divisione della formazione professionale, mentre è realizzato grazie alla collaborazione del Centro professionale del verde di Mezzana, Caritas Ticino, il Centro professionale tecnico di Mendrisio e l’Unione contadini ticinesi. "Ci auguriamo - conclude fiducioso Genini - che questo percorso possa soddisfare tutti, le aziende ma soprattutto chi vi ha partecipato".

an.b.
26.08.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti