La lenta risalita della presenza femminile nell'ateneo luganese
Immagini articolo
Su 82 docenti all'Usi
le donne sono solo 12
CLEMENTE MAZZETTA


Partono più o meno alla pari (48% contro il 52%), studiano di più ma alla fine in "cima" di ragazze ne arrivano due su dieci. Anche meno. La parità uomo/donna fra i docenti universitari è una chimera. E dire che già ora le studentesse che si laureano superano i colleghi maschi. Ma dai dottorandi ai "post doc" a salire sino al corpo docenti la dinamica si inverte. Soprattutto in Ticino, dove l’Università della Svizzera italiana (Usi) ha una percentuale di donne nel corpo docente  inferiore alla media svizzera. Che è già una delle più basse a livello mondiale: il 18% nelle università e il 32% nelle scuole universitarie professionali. Tra i docenti universitari, solo la Finlandia ha raggiunto l’equilibrio perfetto tra i sessi: 50 e 50. In diversi Paesi - Norvegia, Regno Unito, Portogallo e Svezia - la parità è quasi portata di mano, perché le donne in cattedra arrivano al 45%. Non all’Usi. Più sale il livello gerarchico e più scende la presenza femminile: nel 2016 dal 55% di laureate si scende al 39% di dottorande, al 35% di post-doc, al 22% di professoresse assistenti, al 16% di professoresse di ruolo.
Nell’ultimo anno accademico all’Usi si contavano solo 14 professoresse di ruolo su 83 posti, pari al 17% (rapporto che è recentemente sceso a 12 su 82 in totale, vedi grafico sopra). La Facoltà di scienze economiche ha due professoresse ordinarie su venti. Fa meglio quella di informatica, 4 su 25. Ad Architettura il rapporto è 2 a 9, biomedicina 1 a 10. Alla facoltà di Comunicazione, dove le ragazze iscritte sono mediamente il 70%, sono solo tre le donne fra i professori ordinari. "Eppure da quando sono arrivata io, nel lontano 2001, allora unica professoressa, di sforzi se ne sono fatti per modificare questa situazione, istituendo un servizio per le pari opportunità", dice Antonella Carassa, doppia laurea in ingegneria elettronica e psicologia, professore ordinario alla facoltà di Comunicazione.
Già nel 2000 il Consiglio dell’Usi aveva nominato una delegata per le pari opportunità per promuovere una presenza equa di donne. Oggi a vent’anni di distanza per trovare una maggior presenza "rosa" bisogna scendere nella categoria dei "professori assistenti, aggregati, straordinari". Dove le donne sono 11 su 47.
Il Piano d’azione per le pari opportunità dell’Usi parla di "soffitto di cristallo" per dire che "la presenza delle donne nelle più alte posizioni accademiche e decisionali è ancora ridotta". Fra le cause, si citano i criteri di valutazione ma anche le difficoltà nel conciliare professione e famiglia. "Siccome il processo di selezione dei professori è molto lungo cerchiamo di intervenire nelle varie tappe per verificare lo stato di fatto, chiederci il perché dell’assenza femminile, introduciamo accorgimenti per favorire una carriera compatibile con una vita familiare", spiega Boas Erez, rettore dell’Usim che spiega come nei bandi di concorso si incentivino candidature femminili. Come nelle commissioni di preavviso sia prevista la partecipazione di un’osservatrice per le pari opportunità. Tutto ciò ha in effetti fatto registrare una crescita delle donne nelle posizioni intermedie del corpo accademico, che non si è però ancora tradotto nella nomina di professori di ruolo. "Ci siamo dati degli obiettivi ragionevoli: il 20% entro il 2020 - dice Erez -, anche se per Architettura e Biomedicina per le assunzioni dipendiamo molto dal mondo professionale". Come dire che l’Usi non vive su Marte. "Siamo consapevoli - conclude Erez - che bisogna attirare più donne".

c.m.
17.03.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00