L'amara vicenda di un professore di Airolo
Immagini articolo
Meno di tre lettere?
Allora paghi la tassa
ANDREA STERN


Gabriele Sabbioni vive ad Airolo ma è spesso fuori  casa. Ricercatore e professore di chimica e tossicologia, si divide tra Monaco di Baviera, Berna, Olivone e la Leventina. Per motivi di praticità si fa recapitare gli invii in una casella postale, ad Airolo, che "appartiene" alla sua famiglia da decenni. Ma in aprile ha trovato una brutta sorpresa: la Posta gli ha mandato la disdetta.
"Abbiamo verificato l’uso quotidiano delle singole caselle postali presso la filiale di Airolo - scrive la Posta a Sabbioni -. Durante l’analisi è stato rilevato che la vostra casella postale riceve un quantitativo limitato di invii (...). Vi inviamo pertanto la disdetta della vostra casella postale per il 30 giugno 2019".
La "colpa" del professore è quella di non ricevere abbastanza lettere. Alcuni giorni ne riceve parecchie, altri giorni nessuna. Un po’ come succede a qualsiasi comune mortale. Ma la Posta ha deciso che chi non raggiunge una media di almeno tre recapiti al giorno non ha più diritto ad avere una casella postale. O meglio, non ha più diritto ad avere una casella postale gratuita. Perché dietro pagamento di 240 franchi annui il "gigante giallo" si dice disposto a mantenere il servizio. "La Posta - spiega il portavoce Mauro Scossa, intende offrire i propri servizi anche in futuro a un buon rapporto qualità-prezzo. Per questo ottimizza i propri processi adattandoli alle esigenze attuali".
Fatto sta che la gratuità offriva senza dubbio un rapporto qualità-prezzo migliore. "E sul suo sito la Posta sostiene ancora oggi che le caselle postali sono gratuite - sottolinea Sabbioni -. Solo tra le postille si scopre che in realtà c’è un limite minimo di invii per poter beneficiare della gratuità. È un modo di fare disonesto".
La Posta dal canto suo sostiene che il calo di richiesta di caselle postali ha reso necessaria l’introduzione della tassa a carico di chi riceve meno di cinque invii indirizzati al giorno. Con un piccolo sconto per i "vecchi" clienti come il professore di Airolo, che possono beneficiare della gratuità anche solo con una media di tre lettere al giorno. "Negli ultimi anni il numero di caselle postali in Svizzera è stato ridotto a 323.700 - afferma Scossa -. Nonostante ciò oltre 156.000 sono inutilizzate per mancanza di domanda". Da qui la decisione di mantenere il servizio solo per chi lo usa assiduamente. "Vorremmo riservare le caselle postali gratuite solo ai  clienti che ne dimostrino l’effettiva esigenza" aggiunge il portavoce.
"Ma è la stessa Posta a limitare i recapiti nelle caselle postali e quindi renderle desuete - ribatte Sabbioni -. Fino a poco tempo fa, ad esempio, quando ricevevo un pacco venivo avvisato con una nota nella casella postale e poi lo ritiravo allo sportello. Oggi invece i pacchi mi vengono depositati davanti alla porta di casa, a libera disposizione di qualsiasi passante".  Certo, per raggiungere gli obiettivi fissati dalla Posta un trucchetto ci sarebbe. "Mi basterebbe - afferma Sabbioni - far arrivare montagne di invii pubblicitari". Ma chiaramente non sarebbe una soluzione ideale per nessuno.
Al professore di Airolo, come alle numerose altre persone colpite dalla decisione della Posta, non resta quindi che accettare di pagare. Oppure cercare di inventarsi qualche soluzione alternativa. "In ogni caso resta l’amarezza - conclude Sabbioni - di vedere il continuo peggioramento del servizio di un’azienda un tempo considerata un’eccellenza. Se non fosse perché in certi casi è ancora imprescindibile, verrebbe davvero voglia di abbandonarla".  a.s.
05.05.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00