Berna passa all'attacco contro i pericoli di flora e fauna
Immagini articolo
Fauna e flora invasive
soffocano la Svizzera
PATRIZIA GUENZI


Prima le nostre piante e i nostri animali! In tempi di "primanostrismo" non è detto che sentiremo presto anche questa esclamazione. In questo caso, però, il pericolo di venire invasi da piante e bestiole "straniere" c’è. E di ritrovarsi un territorio colonizzato da specie di flora e fauna che potrebbero compromettere la nostra salute, quella del bestiame, delle infrastrutture e degli ecosistemi in generale.
Si va dal cencio molle all’astro lanceolato, dal corniolo serico all’erba grassa di Helms al poligono del Giappone. Magari hanno già messo le radici nei vostri giardini. Sono tra le tante specie che in futuro potrebbero diventare molto problematiche in Svizzera. Un esempio su tutte è la palma di Fortune, già presente al sud delle Alpi, non per niente detta anche palma "ticinese". Molto gradevole alla vista ma estremamente nociva. E sono tante le specie invasive presenti in Svizzera. Introdotte involontariamente o intenzionalmente dall’uomo poco importa. Stesso discorso per molti animali, come la coccinella asiatica, la tartaruga dalle orecchie rosse e la rana toro. E poi c’è il tarlo asiatico del fusto che attacca gli alberi sani, il calabrone asiatico, ormai a due passi dalla Svizzera, e lo scoiattolo grigio che in tutte le zone in cui è apparso ha provocato l’estinzione dello scoiattolo comune.
Piante e animali invasivi esotici e importati in Svizzera  dopo il 1492, che hanno la capacità di riprodursi in natura. Organismi in grado di diffondersi rapidamente e formare popolazioni estese. A livello mondiale, sono la principale causa di perdita di biodiversità poiché sottraggono spazio e nutrimento alle specie indigene. Evidente, dunque, la preoccupazione dell’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam) che da anni ha messo a punto una strategia per arginare il problema.
L’aumento delle specie invasive, spiegano gli esperti, è da ricollegare all’incremento dei flussi di merci e di persone in generale. Ogni specie ha il suo mezzo di trasporto. Il calabrone asiatico, ad esempio, sarebbe arrivato in Europa nei vasi in ceramica per il giardinaggio e la zanzara tigre probabilmente è stata importata dall’Asia, dentro pneumatici usati.
Tra gli animali anche curiosi da segnalare c’è la tartaruga dalle orecchie rosse. Una sottospecie della tartaruga palustre americana, una testuggine d’acqua dolce diurna, che in condizioni ottimali di cattività può vivere anche quarant’anni. Si è diffusa in Svizzera negli Anni ‘70 e ‘80 e piace per i bei colori sgargianti - le due macchie ai lati della testa - ma costituisce una grave minaccia per gli anfibi e gli insetti indigeni. Da qui la decisione dell’Ufam di metterla sotto sorveglianza. La si può adottare ma solo con un "contratto di uso in prestito". Un opuscolo spiega cosa fare in caso di ritrovamenti in natura. Occhi puntati pure sulla coccinella asiatica, una temibile concorrente per le specie indigene.
Il termine "biodiversità" si riferisce alle molteplici sfaccettature assunte dalla vita sulla Terra, alla ricchezza di specie animali e vegetali, alla diversità genetica all’interno delle specie e ai differenti tipi di habitat. In Svizzera circa il 35% delle specie studiate è considerato in pericolo, una proporzione che supera quella della maggior parte dei Paesi europei dovuta anche alla sua posizione.  p.g.
02.06.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa