function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Berna passa all'attacco contro i pericoli di flora e fauna
Immagini articolo
Fauna e flora invasive
soffocano la Svizzera
PATRIZIA GUENZI


Prima le nostre piante e i nostri animali! In tempi di "primanostrismo" non è detto che sentiremo presto anche questa esclamazione. In questo caso, però, il pericolo di venire invasi da piante e bestiole "straniere" c’è. E di ritrovarsi un territorio colonizzato da specie di flora e fauna che potrebbero compromettere la nostra salute, quella del bestiame, delle infrastrutture e degli ecosistemi in generale.
Si va dal cencio molle all’astro lanceolato, dal corniolo serico all’erba grassa di Helms al poligono del Giappone. Magari hanno già messo le radici nei vostri giardini. Sono tra le tante specie che in futuro potrebbero diventare molto problematiche in Svizzera. Un esempio su tutte è la palma di Fortune, già presente al sud delle Alpi, non per niente detta anche palma "ticinese". Molto gradevole alla vista ma estremamente nociva. E sono tante le specie invasive presenti in Svizzera. Introdotte involontariamente o intenzionalmente dall’uomo poco importa. Stesso discorso per molti animali, come la coccinella asiatica, la tartaruga dalle orecchie rosse e la rana toro. E poi c’è il tarlo asiatico del fusto che attacca gli alberi sani, il calabrone asiatico, ormai a due passi dalla Svizzera, e lo scoiattolo grigio che in tutte le zone in cui è apparso ha provocato l’estinzione dello scoiattolo comune.
Piante e animali invasivi esotici e importati in Svizzera  dopo il 1492, che hanno la capacità di riprodursi in natura. Organismi in grado di diffondersi rapidamente e formare popolazioni estese. A livello mondiale, sono la principale causa di perdita di biodiversità poiché sottraggono spazio e nutrimento alle specie indigene. Evidente, dunque, la preoccupazione dell’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam) che da anni ha messo a punto una strategia per arginare il problema.
L’aumento delle specie invasive, spiegano gli esperti, è da ricollegare all’incremento dei flussi di merci e di persone in generale. Ogni specie ha il suo mezzo di trasporto. Il calabrone asiatico, ad esempio, sarebbe arrivato in Europa nei vasi in ceramica per il giardinaggio e la zanzara tigre probabilmente è stata importata dall’Asia, dentro pneumatici usati.
Tra gli animali anche curiosi da segnalare c’è la tartaruga dalle orecchie rosse. Una sottospecie della tartaruga palustre americana, una testuggine d’acqua dolce diurna, che in condizioni ottimali di cattività può vivere anche quarant’anni. Si è diffusa in Svizzera negli Anni ‘70 e ‘80 e piace per i bei colori sgargianti - le due macchie ai lati della testa - ma costituisce una grave minaccia per gli anfibi e gli insetti indigeni. Da qui la decisione dell’Ufam di metterla sotto sorveglianza. La si può adottare ma solo con un "contratto di uso in prestito". Un opuscolo spiega cosa fare in caso di ritrovamenti in natura. Occhi puntati pure sulla coccinella asiatica, una temibile concorrente per le specie indigene.
Il termine "biodiversità" si riferisce alle molteplici sfaccettature assunte dalla vita sulla Terra, alla ricchezza di specie animali e vegetali, alla diversità genetica all’interno delle specie e ai differenti tipi di habitat. In Svizzera circa il 35% delle specie studiate è considerato in pericolo, una proporzione che supera quella della maggior parte dei Paesi europei dovuta anche alla sua posizione.  p.g.
02.06.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La perenne infinita attesa
per l'attacco all'Occidente
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Tormentati e solitari,
animati dalla genialità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Thailandia:
nuove
proteste
a Bangkok

Piovono razzi
su Kabul.
Sospetti
sui talebani

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00