function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Gli scenari politici dopo il voto e i cambi di governo
Occhi puntati dell'Ue
su Roma, madrid e Parigi
LORENZO ROBUSTELLI, DA BRUXELLES


Una condizione chiede, sempre, l'Unione europea ai partner: credibilità. Nei comportamenti, nelle scelte. Per Bruxelles un Paese senza governo, o con un esecutivo debole, sfiduciato di fatto dai cittadini e dai mercati, è la peggiore delle disgrazie che possa capitare: non si sa cosa farà, che decisioni prenderà, come interverrà nelle politiche comuni. Ed è il caso, lampante, dell'Italia di Berlusconi che ieri, sabato, si è dimesso dopo l'approvazione delle leggi di stabilità aprendo un nuovo scenario. Ma lo stesso discorso è stato fatto per il Portogallo, l'Irlanda, la Grecia e la Spagna proiettata verso le urne. Varrebbe anche per il Belgio, dove un governo manca da 540 giorni, e il debito pubblico è sempre lì, stabile vicino al 100 per cento, un livello intollerabile per le regole europee; ma il Paese incredibilmente cresce viaggiando senza autista, non presenta problemi sui mercati, gli spread sono sopportabili e quindi il piccolo regno fa eccezione.
"Non avere un governo che possa lavorare nella pienezza dei suoi poteri - spiega Janis Emmanouilidis, senior policy analist del prestigioso centro studi European policy centre di Bruxelles - può portare la situazione fuori controllo, ad una perdita di fiducia dei cittadini e dei mercati, a guai più grandi".
In Europa questa situazione l'hanno vissuta in particolare Grecia e Italia, "anche se non si possono paragonare i problemi causati da questi due Paesi, troppo diversi per peso politico ed economico", sostiene l'analista. In Spagna le cose sono andate diversamente, e sono state fatte scelte "apprezzate" a Bruxelles: dopo pochi mesi di crisi, capito di aver perso il sostegno interno ed internazionale, José Luis Zapatero ha convocato le elezioni, mentre il suo governo continua a lavorare alle misure chieste dall'Europa. Questo ha dato fiducia, ha offerto un quadro chiaro e i mercati hanno premiato Madrid, sospendendo l'attacco, in attesa del voto. "In questi ultimi giorni, da quando in Grecia è uscito il nome del nuovo primo ministro incaricato Lucas Papademos e in Italia Mario Monti è diventato il candidato a Palazzo Chigi, i mercati hanno un poco allentato la presa e Bruxelles si è rilassata - continua Emmanouilidis - perché si tratta di personalità credibili, rispettate all'estero, con grandi competenze in economia".
Secondo l'esperto (che ha un ottimo punto di osservazione "naturale" essendo metà greco e metà tedesco, con una formazione nei due Paesi ed in Gran Bretagna ) "il problema chiave - nota Emmanouilidis - è la fiducia e questi due nomi sono parte della soluzione. Almeno per un paio di mesi, poi nessuno può dire cosa succederà".
Un margine di incertezza resta, tutto sommato le maggioranze politiche sono le più apprezzate, se solide. "Bisogna vedere se i partiti che sosterranno questi governi "tecnici" continueranno a farlo nei prossimi mesi. Continuerà ad esserci consenso tra loro? "In Grecia, ad esempio la collaborazione tra forze opposte è qualcosa di completamente nuovo rispetto al passato", spiega l'esperto dell'Epc.
Ora quindi si potrà tirare un po' di respiro. Solo per qualche mese? "Non è detto, c'è un altro Paese che potrebbe diventare un obiettivo dell'Unione europea per la sua situazione economica: la Francia, che rischia di essere stretta all'angolo nei mesi che precedono le elezioni". Le agenzie di rating stanno mettendo in discussione la tripla "A" concessa a Parigi, che il prossimo 22 aprile andrà ad elezioni presidenziali che vedono il  capo dello Stato Nicolas Sarkozy in difficoltà. Campagna elettorale incerta, nuove preoccupazioni in vista per Bruxelles.
13.11.2011


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00