Mistero sulla tipografia ticinese
Immagini articolo
Quei Deutsche Mark
stampati in Ticino
MAURO SPIGNESI


La Germania avrebbe ripreso a stampare marchi. E, particolare curioso, lo starebbe facendo in Svizzera, o meglio in Ticino, ricorrendo ad una tipografia specializzata. Una notizia clamorosa che, se vera, oltre a provocare un terremoto finanziario, prefigurerebbe un piano B di Berlino per uscire dalle secche dell'euro e smarcarsi dalle fucilate quotidiane dei mercati. Che qualcosa stia succedendo lo ha ipotizzato nelle ultime settimane la stampa internazionale . Prima un servizio del tabloid Daily Express, poi un articolo del Washington Times che scrivono del conio di nuovi marchi, e venerdì scorso un lungo articolo sul quotidiano finanziario italiano Milano Finanza.
Mlano Finanza si spinge ancora più avanti e, seppur con le dovute precauzioni del caso, indica anche una serie di dettagli: "La tipografia individuata per tornare a stampare marchi sarebbe in Svizzera, probabilmente nel canton Ticino, e avrebbe ricevuto alcuni stampi della vecchia valuta tedesca". Possibile? Il giornale del Gruppo Class, che sembra abbia appreso la notizia da una fonte che conosce profondamente i mercati internazionali e in particolare quello tedesco, aggiunge che "tale azienda già stampa rubli e dong vietnamiti".
Il Caffè ha svolto una lunga ricerca, sentendo esperti e professionisti del settore, ma della stamperia ticinese, per ora, non c'è alcuna traccia.  In Svizzera l'unico impianto che ha la possibilità di trattare cartamoneta è quello della Orell Füssli Sicherheitsdruck Sa di Zurigo.
Ma è chiaro che se davvero fosse in corso un' operazione di questa portata, sarebbe assai difficile individuare la tipografia. Impressione confermata da un banchiere tedesco a Milano Finanza: "La Bundesbank, se mai avesse intenzione di attuare questo progetto, lo manterrebbe segreto". Scontato. Come scontata l'ipotesi che stampare marchi s'inquadrerebbe in una exit strategy pronta all'uso nel caso in cui la crisi dei debiti sovrani che ha investito diversi Paesi europei diventasse incontrollabile. Tuttavia che l'euro non sia morto lo ha ribadito  sabato la stessa cancelliera tedesca Merkel, affermando che anche l'Inghilterra quanto prima dovrà aderire alla moneta europea.
Ma perché stampare marchi in Svizzera? Solo per avere una garanzia di riservatezza? Domande che  per oranon trovano una risposta. Che in Germania la voglia di tornare indietro, al vecchio marco, sia grande, lo testimoniano i sondaggi fra la popolazione sempre più preoccupata dalle notizie che giungono dai Paesi dell'Ue. Il Deutsche Mark a Berlino, Bonn e Francoforte aleggia come un fantasma, soprattutto adesso che molti tedeschi hanno capito di dover fare ulteriori sforzi per salvare l'euro.
m.sp.
20.11.2011


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I cyber guerrieri
alla guerra di Putin
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il trionfo dei cibi
prêt-à-manger
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.02.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 23 febbraio 2017 alle ore 11.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale
17.02.2017
Concorso per la nomina di vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie superiori
17.02.2017
Il Cantone Ticino dispone di un rating ufficiale pubblico Aa2 outlook stabile, assegnato dall’agenzia Moody’s Public Sector Europe.
15.02.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2017
10.02.2017
Rapporto d'attività 2016 della Sezione del lavoro
09.02.2017
Sono aperte le iscrizioni ai corsi maturità professionale MP2
07.02.2017
Concorso per funzioni di direzione e di vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2017/2021
02.02.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 14 febbraio prossimo
18.01.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2016
12.01.2017
Newsletter DFP Ticinoinformazione - edizione dicembre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »









Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

“Muro umano”
in Messico
per protestare
contro Trump

Luci ai semafori
per salvare
chi usa troppo
gli smartphone

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch