Mistero sulla tipografia ticinese
Immagini articolo
Quei Deutsche Mark
stampati in Ticino
MAURO SPIGNESI


La Germania avrebbe ripreso a stampare marchi. E, particolare curioso, lo starebbe facendo in Svizzera, o meglio in Ticino, ricorrendo ad una tipografia specializzata. Una notizia clamorosa che, se vera, oltre a provocare un terremoto finanziario, prefigurerebbe un piano B di Berlino per uscire dalle secche dell'euro e smarcarsi dalle fucilate quotidiane dei mercati. Che qualcosa stia succedendo lo ha ipotizzato nelle ultime settimane la stampa internazionale . Prima un servizio del tabloid Daily Express, poi un articolo del Washington Times che scrivono del conio di nuovi marchi, e venerdì scorso un lungo articolo sul quotidiano finanziario italiano Milano Finanza.
Mlano Finanza si spinge ancora più avanti e, seppur con le dovute precauzioni del caso, indica anche una serie di dettagli: "La tipografia individuata per tornare a stampare marchi sarebbe in Svizzera, probabilmente nel canton Ticino, e avrebbe ricevuto alcuni stampi della vecchia valuta tedesca". Possibile? Il giornale del Gruppo Class, che sembra abbia appreso la notizia da una fonte che conosce profondamente i mercati internazionali e in particolare quello tedesco, aggiunge che "tale azienda già stampa rubli e dong vietnamiti".
Il Caffè ha svolto una lunga ricerca, sentendo esperti e professionisti del settore, ma della stamperia ticinese, per ora, non c'è alcuna traccia.  In Svizzera l'unico impianto che ha la possibilità di trattare cartamoneta è quello della Orell Füssli Sicherheitsdruck Sa di Zurigo.
Ma è chiaro che se davvero fosse in corso un' operazione di questa portata, sarebbe assai difficile individuare la tipografia. Impressione confermata da un banchiere tedesco a Milano Finanza: "La Bundesbank, se mai avesse intenzione di attuare questo progetto, lo manterrebbe segreto". Scontato. Come scontata l'ipotesi che stampare marchi s'inquadrerebbe in una exit strategy pronta all'uso nel caso in cui la crisi dei debiti sovrani che ha investito diversi Paesi europei diventasse incontrollabile. Tuttavia che l'euro non sia morto lo ha ribadito  sabato la stessa cancelliera tedesca Merkel, affermando che anche l'Inghilterra quanto prima dovrà aderire alla moneta europea.
Ma perché stampare marchi in Svizzera? Solo per avere una garanzia di riservatezza? Domande che  per oranon trovano una risposta. Che in Germania la voglia di tornare indietro, al vecchio marco, sia grande, lo testimoniano i sondaggi fra la popolazione sempre più preoccupata dalle notizie che giungono dai Paesi dell'Ue. Il Deutsche Mark a Berlino, Bonn e Francoforte aleggia come un fantasma, soprattutto adesso che molti tedeschi hanno capito di dover fare ulteriori sforzi per salvare l'euro.
m.sp.
20.11.2011


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni