Mistero sulla tipografia ticinese
Immagini articolo
Quei Deutsche Mark
stampati in Ticino
MAURO SPIGNESI


La Germania avrebbe ripreso a stampare marchi. E, particolare curioso, lo starebbe facendo in Svizzera, o meglio in Ticino, ricorrendo ad una tipografia specializzata. Una notizia clamorosa che, se vera, oltre a provocare un terremoto finanziario, prefigurerebbe un piano B di Berlino per uscire dalle secche dell'euro e smarcarsi dalle fucilate quotidiane dei mercati. Che qualcosa stia succedendo lo ha ipotizzato nelle ultime settimane la stampa internazionale . Prima un servizio del tabloid Daily Express, poi un articolo del Washington Times che scrivono del conio di nuovi marchi, e venerdì scorso un lungo articolo sul quotidiano finanziario italiano Milano Finanza.
Mlano Finanza si spinge ancora più avanti e, seppur con le dovute precauzioni del caso, indica anche una serie di dettagli: "La tipografia individuata per tornare a stampare marchi sarebbe in Svizzera, probabilmente nel canton Ticino, e avrebbe ricevuto alcuni stampi della vecchia valuta tedesca". Possibile? Il giornale del Gruppo Class, che sembra abbia appreso la notizia da una fonte che conosce profondamente i mercati internazionali e in particolare quello tedesco, aggiunge che "tale azienda già stampa rubli e dong vietnamiti".
Il Caffè ha svolto una lunga ricerca, sentendo esperti e professionisti del settore, ma della stamperia ticinese, per ora, non c'è alcuna traccia.  In Svizzera l'unico impianto che ha la possibilità di trattare cartamoneta è quello della Orell Füssli Sicherheitsdruck Sa di Zurigo.
Ma è chiaro che se davvero fosse in corso un' operazione di questa portata, sarebbe assai difficile individuare la tipografia. Impressione confermata da un banchiere tedesco a Milano Finanza: "La Bundesbank, se mai avesse intenzione di attuare questo progetto, lo manterrebbe segreto". Scontato. Come scontata l'ipotesi che stampare marchi s'inquadrerebbe in una exit strategy pronta all'uso nel caso in cui la crisi dei debiti sovrani che ha investito diversi Paesi europei diventasse incontrollabile. Tuttavia che l'euro non sia morto lo ha ribadito  sabato la stessa cancelliera tedesca Merkel, affermando che anche l'Inghilterra quanto prima dovrà aderire alla moneta europea.
Ma perché stampare marchi in Svizzera? Solo per avere una garanzia di riservatezza? Domande che  per oranon trovano una risposta. Che in Germania la voglia di tornare indietro, al vecchio marco, sia grande, lo testimoniano i sondaggi fra la popolazione sempre più preoccupata dalle notizie che giungono dai Paesi dell'Ue. Il Deutsche Mark a Berlino, Bonn e Francoforte aleggia come un fantasma, soprattutto adesso che molti tedeschi hanno capito di dover fare ulteriori sforzi per salvare l'euro.
m.sp.
20.11.2011


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento