Atteso da Berna l'ok per conservare specialità operatorie
Immagini articolo
La chirurgia complessa
forse resterà in Ticino
PATRIZIA GUENZI


Previsioni e umori sono radicalmente mutati all'interno dell'Ente ospedaliero cantonale (Eoc). Dopo i timori di quest'estate per il no di Berna al mantenimento in Ticino, a Bellinzona e a Lugano, delle specialità relative alla cosiddetta "chirugia viscerale complessa", ora le cose sembrano prendere un'altra piega. Si attende, a settimane, una nuova risposta da Berna e questa volta, dato il cambio di strategia dell'Ente, il sì al mantenimento dovrebbe essere assicurato. Ma ai vertici dell'Eoc bocche cucite: "Il cantone sta facendo tutto il possibile per mantenere le specialità in Ticino", dice il direttore, Giorgio Pellanda.
I numeri, altrimenti detti massa critica, ci sono, stando alle registrazioni del 2012, ma soprattutto la richiesta ticinese risponde a precisi e importanti criteri di qualità, avendo previsto di accorpare, sta qui il cambio di strategia dell'Eoc, tutta la "chirurgia viscerale complessa" in una struttura unica, al Civico di Lugano. Ed è quel che accade, tanto per fare qualche esempio, a Lucerna, San Gallo, Argovia.
Fra qualche settimana, dunque, dovrebbe giungere la risposta da Berna e in molti, all'interno dell'Ente, danno per scontato il sì. A Lugano già esistono alcune particolari specialità: neurochirurgia vascolare, ictus, politraumi. E, per quanto riguarda le sottospecialità della "chirurgia viscerale complessa", al Civico c'è già la "chirurgia del retto". Da qui la risposta a quelle richieste di qualità e di eccellenza che Berna richiede, non solo al Ticino ma a tutti i cantoni.
Se da Berna la risposta sarà affermativa, il cantone potrà mantenere oltre alla "rettale", anche la chirurgia complessa del fegato e del pancreas. Più difficile sarà il sì alla chirurgia dell'obesità. Necessari almeno 30 casi l'anno, una soglia però non raggiunta in Ticino. Mentre per quanto riguarda la chirurgia complessa dell'esofago, che interviene su casi molto particolari e rari, la richiesta non è nemmeno stata avanzata. La soglia minima è di 15 casi, in Ticino non se ne registrano nemmeno dieci. Se lo scoglio di Berna - o, per meglio dire, quello dell'organo nazionale Mas, acronimo di Medicina altamente specializzata - è stato superato, si è ancora in mezzo alle nebbie delle polemiche locali. Bellinzona di fatto non accetta la concentrazione a Lugano della "chirurgia viscerale complessa". Prova n'è un burrascoso incontro fra i primari del San Giovanni e il consiglio di amministrazione dell'Ente svoltosi una quindicina di giorni fa.
Ma pure all'interno dello stesso Eoc non esiste una visione unitaria. Soprattutto non si è ancora potuta tracciare una vera e propria strategia. Se la direzione dell'Ente è convinta della bontà della scelta fatta - in previsione della creazione di un ospedale cantonale che la maggioranza vede e vorrebbe nel Luganese - il consiglio di amministrazione (quindi organo di stampo politico) è diviso. Le ragioni di razionalità sanitaria non si sposano con la politica, tesa ad accontentare tutti. Forse anche quando non è possibile. Come in questo caso. p.g.
04.11.2012


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur