Atteso da Berna l'ok per conservare specialità operatorie
Immagini articolo
La chirurgia complessa
forse resterà in Ticino
PATRIZIA GUENZI


Previsioni e umori sono radicalmente mutati all'interno dell'Ente ospedaliero cantonale (Eoc). Dopo i timori di quest'estate per il no di Berna al mantenimento in Ticino, a Bellinzona e a Lugano, delle specialità relative alla cosiddetta "chirugia viscerale complessa", ora le cose sembrano prendere un'altra piega. Si attende, a settimane, una nuova risposta da Berna e questa volta, dato il cambio di strategia dell'Ente, il sì al mantenimento dovrebbe essere assicurato. Ma ai vertici dell'Eoc bocche cucite: "Il cantone sta facendo tutto il possibile per mantenere le specialità in Ticino", dice il direttore, Giorgio Pellanda.
I numeri, altrimenti detti massa critica, ci sono, stando alle registrazioni del 2012, ma soprattutto la richiesta ticinese risponde a precisi e importanti criteri di qualità, avendo previsto di accorpare, sta qui il cambio di strategia dell'Eoc, tutta la "chirurgia viscerale complessa" in una struttura unica, al Civico di Lugano. Ed è quel che accade, tanto per fare qualche esempio, a Lucerna, San Gallo, Argovia.
Fra qualche settimana, dunque, dovrebbe giungere la risposta da Berna e in molti, all'interno dell'Ente, danno per scontato il sì. A Lugano già esistono alcune particolari specialità: neurochirurgia vascolare, ictus, politraumi. E, per quanto riguarda le sottospecialità della "chirurgia viscerale complessa", al Civico c'è già la "chirurgia del retto". Da qui la risposta a quelle richieste di qualità e di eccellenza che Berna richiede, non solo al Ticino ma a tutti i cantoni.
Se da Berna la risposta sarà affermativa, il cantone potrà mantenere oltre alla "rettale", anche la chirurgia complessa del fegato e del pancreas. Più difficile sarà il sì alla chirurgia dell'obesità. Necessari almeno 30 casi l'anno, una soglia però non raggiunta in Ticino. Mentre per quanto riguarda la chirurgia complessa dell'esofago, che interviene su casi molto particolari e rari, la richiesta non è nemmeno stata avanzata. La soglia minima è di 15 casi, in Ticino non se ne registrano nemmeno dieci. Se lo scoglio di Berna - o, per meglio dire, quello dell'organo nazionale Mas, acronimo di Medicina altamente specializzata - è stato superato, si è ancora in mezzo alle nebbie delle polemiche locali. Bellinzona di fatto non accetta la concentrazione a Lugano della "chirurgia viscerale complessa". Prova n'è un burrascoso incontro fra i primari del San Giovanni e il consiglio di amministrazione dell'Ente svoltosi una quindicina di giorni fa.
Ma pure all'interno dello stesso Eoc non esiste una visione unitaria. Soprattutto non si è ancora potuta tracciare una vera e propria strategia. Se la direzione dell'Ente è convinta della bontà della scelta fatta - in previsione della creazione di un ospedale cantonale che la maggioranza vede e vorrebbe nel Luganese - il consiglio di amministrazione (quindi organo di stampo politico) è diviso. Le ragioni di razionalità sanitaria non si sposano con la politica, tesa ad accontentare tutti. Forse anche quando non è possibile. Come in questo caso. p.g.
04.11.2012


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin