L'attentatore uzbeko della strage in Svezia era schedato
Immagini articolo
Nel Tir impazzito
c'era una bomba


Ha 39 anni, 4 figli, è nato in Uzbekistan, come molti  jihadisti tanto che è simpatizzante dell’Isis. E il suo nome un tempo era negli schedari dell’intelligence svedese. Vengono fuori con il contagocce, ma arrivano, le notizie sull’uomo arrestato, insieme ad altri tre sospettati, dopo l’attentato di Stoccolma. L’uzbeko è stato indicato come colui che era alla guida del camion piombato in una zona dello shopping, in centro città, e a tutta velocità ha falciato decine di persone, uccidendone quattro. Il suo nome, con altre informazioni, era negli schedari dell’intelligence, come ha ammesso il capo degli 007 svedesi, Anders Thornberg: "Il sospetto non è comparso nei nostri file recenti, ma in passato era nei nostri archivi". Il portavoce della polizia di Stoccolma, Lars Bystrom, ha invece fatto il punto sulle indagini, precisando che "la persona in questione è stata arrestata in qualità di colpevole".
Intanto, ieri, sabato, la polizia svedese ha effettuato un blitz antiterrorismo nel sud di Stoccolma arrestando tre persone, come ha riferito la tv pubblica svedese. Secondo l’Expressen, le tre persone prese in custodia sono legate all’uzbeko arrestato, considerato il sospettato numero uno nell’attacco. Resta da capire, come rilanciato da alcuni giornali, se davvero l’uzbeko avesse portato sul camion anche un ordigno artigianale. Gli agenti hanno effettivamente trovato una borsa, ma nessuno ha poi ufficialmente confermato che contenesse una bomba. Il procuratore svedese Hans Ihrman che si occupa delle indagini sull’attentato ha confermato che il 39enne è stato identificato formalmente come un sospetto di "reato terroristico mediante omicidio". Nel frattempo, mentre alcune fonti ospedaliere spiegano che diversi feriti versano in gravi condizioni, la polizia ha nuovamente interrogato il proprietario del camion usato per l’attentato. L’uomo ha raccontato che stava consegnando casse di birra quando si è fermato davanti a un ristorante. L’autista ha aggiunto d’aver denunciato il furto, ma l’allerta terrorismo ufficialmente non è scattata. Il killer ha poi investito la gente di passaggio quando è giunto nella via pedonale più frequentata di Stoccolma: la Drottninggatan.
09.04.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe