Il G20 di Amburgo ha trovato alcuni compromessi
Immagini articolo
Accordo su commercio
e impegno sul clima


C’è l’accordo sul libero scambio e contro il protezionismo, non c’è invece l’accordo sul clima. E non c’è neppure una condanna precisa, netta, con l’introduzione di dure sanzioni contro il traffico di esseri umani.  In una Amburgo blindata e attraversata da violenti scontri che hanno portato all’arresto di 203 persone, si è chiuso ieri, sabato, il G20. I leader dei Paesi più industrializzati, tra i quali Donald Trump e Vladimir Putin che si sono incontrati per la prima volta, hanno dunque trovato una intesa sugli scambi commerciali. Un punto che alla vigilia di questo appuntamento appariva difficile, soprattutto tenendo conto della linea politica di Donald Trump, quell’America First che mira a dare priorità sempre e comunque agli Usa.
La dichiarazione finale del G20 contiene, dunque, un "impegno a combattere il protezionismo". Insomma, si è trovato una via di compromesso fra le posizioni europee e quelle del presidente americano Trump. La formula scelta è di equilibrio: da una parte si dice che i Paesi si impegneranno appunto contro il protezionismo, dall’altra si afferma che i singoli Paesi avranno in alcuni casi il diritto di tutelare i propri mercati. Un escamotage, certo. Ma è comunque servito a convincere il presidente Trump a smussare la sua posizione oltranzista che, come detto, si prefigge di proteggere le aziende nazionali dalla concorrenza straniera.
Niente da fare, invece, sul fronte della lotta al riscaldamento globale. Doveva essere uno dei temi qualificanti di questo vertice di Amburgo, invece i leader del G20 non hanno fatto passi avanti. Nel comunicato finale prendono atto della decisione degli Usa di ritirarsi dall’accordo di Parigi, ma lasciano una porta aperta ribadendo l’impegno degli altri Paesi e dell’Unione europea ad attuare completamente gli impegni previsti. Trump - nel documento finale del vertice - ha strappato una concessione. Perché gli Stati Uniti possono "cooperare strettamente con altri partner per facilitare il loro accesso e il loro utilizzo più pulito ed efficace delle energie fossili, aiutandoli a sviluppare quelle rinnovabili e altre fonti di energia pulita". Una dichiarazione non vista bene da tanti. Perché di fatto autorizza  un componente del G20 (l’America) a seguire una politica individuale che va contro quella degli altri diciannove.
Niente da fare, invece, per una più incisiva lotta al traffico di esseri umani. L’opposizione di Russia e Cina ha bloccato praticamente sul nascere il tentativo di Bruxelles di far inserire nel documento conclusivo di questo vertice di Amburgo l’obiettivo di ottenere delle sanzioni Onu mirate contro appunto i trafficanti di esseri umani. Il testo finale, è frutto di un debole compromesso che alla fine non soddisfa nessuno. Perché si prendono soltanto impegni piuttosto vaghi contro i trafficanti. Si dice che c’è sì l’impegno di portarli davanti alla giustizia, ma non ci sono le misure contro gli scafisti e chi li protegge e li finanzia auspicate da tanti, a cominciare dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.
Di questo vertice, infine, resterà comunque il positivo primo incontro Trump-Putin con l’accordo per la tregua in Siria. tanti osservatori si chiedono già quanto durerà realmente. Ma intanto il faccia a faccia di due ore, definito dal presidente Usa "eccezionale", ha contribuito a distendere i toni. Il segretario di Stato americano Rex Tillerson ha dichiarato che la zona coperta dalla tregua riguarda anche la sicurezza della Giordania ed è una "parte molto complicata del campo di  battaglia siriano, penso che sia il primo segnale di come Usa e Russia possano lavorare insieme in Siria".
09.07.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin