L'esperta Napoleoni spiega come reagire agli attentati
Immagini articolo
Contro il terrorismo
risposta transnazionale
LORETTA NAPOLEONI


L’attentato di Barcellona è il settimo dall’inizio dell’anno condotto utilizzando un furgoncino per falciare la folla. È questa la nuova modalità del terrorismo del fondamentalismo islamico in Europa? Sicuramente è quella meno costosa e più facile da imbastire. Sembra infatti che il piano originario del gruppo di terroristi che hanno colpito questa settimana la Catalogna fosse un altro. Volevano riempire i furgoncini di bombole del gas e farli esplodere, possibilmente lungo le Ramblas. Ma nella notte di mercoledi qualcosa non ha funzionato e l’abitazione ad Alcanar, una cittadina sulla costa a sud di Barcellona, dove si stavano preparando gli ordigni è saltata in aria. A quel punto deve essere scattato il piano B.
Se l’anti-terrorismo spagnolo confermerà questa ricostruzione allora ci troviamo di fronte ad un attacco che si prevedeva fosse di scala molto più grande di quello avvenuto, un atto più complesso e che ha richiesto una pianificazione diversa e maggiore professionalità. Se vogliamo tracciare un parallelo piuttosto che con l’attentato di Nizza, dove venne usato un camion, dobbiamo farlo con quello di Parigi contro Charlie Hebdo. A Barcellona, infatti, gli attentatori erano almeno 12 ed avevano pianificato più di un attacco. A differenza di Parigi, però, a Barcellona i terroristi erano solo ragazzi, quasi tutti tra i 18 ed i 28 anni d’età, troppo giovani per essere stati formati sui cambi di battaglia dell’Isis. La loro radicalizzazione era sicuramente avvenuta in Europa e la professionalità era stata acquisita in rete.
Nei prossimi mesi la ricostruzione di quanto è avvenuto a Barcellona sarà cruciale per poter stabilire se ci troviamo di fronte all’ennesima mutazione del terrorismo jihadista in Europa. Cosa vuol dire? Che accanto al lupo solitario che usa il coltello sta nascendo un network di gruppi che utilizza metodologie molto più pericolose per pianificare attentati più spettacolari.
Di fronte a queste metamorfosi diventa sempre più difficile applicare il modello dell’anti-terrorismo tradizionale, e cioè limitato ai confini nazionali. Mentre è improbabile che il lupo solitario faccia parte di un network internazionale è molto probabile che gruppi di giovani jihadisti si muovano all’interno di una nebula del terrore europea. La risposta, dunque, deve essere transnazionale e questo è un ostacolo che non sarà facile superare dal momento che nessun governo vuole delegare la sicurezza nazionale a forze straniere.
Eppure nel contesto attuale è facile intuire i vantaggi che un organo transnazionale, al di sopra degli organi nazionali, rappresenterebbe per la lotta contro il terrorismo del fondamentalismo islamico. In assenza di tutto ciò, ahimé, dobbiamo prepararci ad altri attentati come quello di Barcellona in Europa e nel resto del mondo occidentale.
20.08.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole