Il "padronato" di Neuchâtel sulla "paga cantonale"
"Nessuna rivoluzione
con il salario minimo"
MASSIMO SCHIRA


Non hanno certo fatto i salti di gioia, ma nemmeno hanno dipinto scenari da catastrofe. Camera di commercio e Associazione industriali del canton Neuchâtel hanno reagito tutto sommato con calma e toni moderati alla notizia che il salario minimo cantonale sarebbe diventato realtà. "Ci eravamo opposti al principio generale proposto nel 2011, ma poi la popolazione ha deciso di accettarlo in votazione - spiega Florian Néméti, direttore della Camera di commercio e dell’industria neocastellana -. La scelta è quindi stata quella di non inoltrare opposizione alla legge, perché, tutto sommato, i membri della Camera di commercio non sono coinvolti. Tutte le aziende o quasi hanno un contratto collettivo e i salari sono fortunatamente superiori a quelli minimi fissati dalla legge. Nessuna rivoluzione in vista, insomma".
Stessa musica nelle parole dell’Associazione degli industriali e del padronato (Aip), soprattutto perché le cifre in gioco sono modeste. "Dal punto di vista delle industrie la situazione, anche con l’obbligo di rispettare questo salario minimo, non è problematica - osserva il presidente dell’Aip, Raymond Stauffer -. Se si poteva evitare, sarebbe stato meglio, ma comprendiamo che il tema della pressione sui salari è molto percepito in tutta la Svizzera. L’insistenza di sinistra e sindacati ci dà un po’ fastidio, ma in definitiva non è niente di tragico…".
Un problema, comunque, il padronato lo sottolinea, perché se, da un lato, la legge è ormai ancorata alla Costituzione, d’altra parte c’è margine di manovra nella sua applicazione. "Vorremmo vedere un’applicazione pragmatica delle nuove norme - prosegue Néméti -. Soprattutto per quanto concerne gli adeguamenti annuali legati all’inflazione e all’evoluzione dei prezzi al consumo. L’automatismo non ci piace troppo. Il rischio dal nostro punto di vista è che questi adeguamenti portino il livello del salario minimo cantonale al di sopra di quello fissato nei contratti collettivi. Sarebbe problematico capire come regolarsi. Per evitare che ci siano effetti collaterali indesiderati sta comunque lavorando una commissione tripartita, che troverà di certo una soluzione".
Secondo Raymond Stauffer, che la tendenza per il salario minimo cantonale sarà al rialzo è chiaro fin da subito. "Sento già le rivendicazioni dei sindacati - commenta sarcastico il presidente degli industriali -, di sicuro non diminuirà… Detto questo l’impatto è piuttosto moderato, quindi non ci sono particolari problemi in vista per l’industria, settore che, però, per essere efficiente ha bisogno di flessibilità. È essenziale per essere e restare competitivi, perché il contesto in cui ci muoviamo è sempre più complesso, specie sul piano internazionale".
Florian Néméti sottolinea infine come Neuchâtel sia uno dei cantoni svizzeri in cui sono in vigore il maggior numero di contratti collettivi nelle aziende. "Questa situazione, tra le altre cose, ha fatto sì che il fronte dei contrari al salario minimo cantonale fosse limitato anche negli ambienti economici - conclude il direttore della Camera di commercio -. Anche perché nella legge sono inserite alcune eccezioni logiche, come quelle per il settore agricolo e vitivinicolo e per gli studesnti che lavorano d’estate part-time".

m.s.
17.09.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin