Il ministro neocastellano sullo stipendio cantonale base
Immagini articolo
"Con il salario minimo
due milioni di risparmi"
MASSIMO SCHIRA


Dallo scorso 4 agosto, ognuno degli oltre 80mila lavoratori del canton Neuchâtel può pretendere un salario minimo di 20 franchi l’ora. Risultato di una votazione popolare del 2011, la decisione di fissare una base salariale nella Costituzione cantonale è stata da poco "vidimata" anche dal Tribunale federale, chiamato ad esprimersi sull’approccio che le autorità neocastellane hanno dato alla nuova legge dopo una serie di ricorsi inoltrati da ambienti vicini al mondo economico. A spiegare al Caffè come si è arrivati a questa "prima" a livello nazionale è Jean-Nathanaël Karakash, consigliere di Stato di Neuchâtel e responsabile del Dipartimento dell’economia e dell’azione sociale. "La via del salario minimo cantonale non è stata imboccata per far fronte a particolari emergenze - osserva -. A Neuchâtel dal profilo salariale non ci sono più difficoltà che in altri cantoni, non c’è un problema specifico alla base. È stata più che altro una precisa volontà politica per limitare il fenomeno dei salari particolarmente bassi".
Che impatto economico avrà questa novità?
"L’aggravio sulla massa salariale versata dalle imprese sarà di 7,1 milioni, ossia lo 0,17% della massa salariale globale versata. Poca cosa, insomma. E il padronato concorda. Il Cantone, invece, dovrebbe risparmiare circa 2 milioni oggi versati per l’aiuto sociale. Vorrei però aggiungere che il principio è più importante delle cifre in questo caso".
Il percorso d’avvicinamento al salario minimo è comunque stato laborioso, non crede?
"Beh, del tema si parlava ormai dal 2000, quando una prima proposta in parlamento non aveva trovato sbocchi concreti. Soprattutto perché si pensava che le misure d’accompagnamento agli accordi bilaterali sulla libera circolazione delle persone tra Svizzera e Ue avrebbero permesso una crescita dei salari più bassi".
Non è successo?
"Diciamo che il percorso è stato più complicato di quanto previsto. Intendiamoci, le misure d’accompagnamento hanno avuto effetti apprezzabili, ma non tutti i casi legati a salari particolarmente ‘esposti’ sono stati risolti".
Si è quindi deciso di riproporre il salario minimo come legge costituzionale. Quali effetti vi attendete?
"L’intervento politico è stato per certi versi necessario per tutelare i più deboli. L’attenzione alle tematiche sociali è sempre stata storicamente alta nel canton Neuchâtel. Con questa misura ci aspettiamo di dare una mano alle fasce più a rischio. Anche se siamo consapevoli che non si tratta della panacea di tutti i mali".
Cosa intende dire?
"È chiaro che qualcosa in più in busta paga fa piacere. Ma guadagnare 3’400 o 3’500 franchi al mese non è comunque molto. Specie per quanto riguarda le famiglie. Uno degli obiettivi è di sostenere in particolare le persone che vivono da sole, che vedranno migliorare la loro condizione. Oggi, pur lavorando al 100%, molte di queste persone fanno parecchia fatica".
Il fenomeno dei "working poors" è molto radicato nel cantone?
"Le dimensioni del fenomeno dei salari bassi sono chiare: si tratta di 2.700 persone che lavorano, ma sono pagate meno di 20 franchi l’ora; 1.700 donne e 1.000 uomini.  Non è corretto che un’impresa o un datore di lavoro versi salari non sufficienti a vivere".
Anche nel canton Neuchâtel vivete a stretto contatto con la manodopera frontaliera. Ciò ha avuto un effetto sulle vostre scelte?
"La situazione è diversa rispetto a quella ticinese, intanto perché ai nostri confini non c’è un agglomerato delle dimensioni di Milano. Detto questo, credo che tutt’al più la condizione di cantone di frontiera abbia avuto un ‘impatto ambientale’. Facendo adottare il salario minimo come una sorta di misura preventiva. Nei fatti, però, non ha avuto un impatto, perché solo il 2% delle 2.700 persone oggi sottopagate nel cantone sono frontalieri".
Oggi i lavoratori neocastellani possono pretendere in realtà 19,70 franchi l’ora, perché?
"La legge prevede che i 20 franchi siano aggiornati in modo automatico una volta l’anno, ad agosto (per determinare i valori obbligatori del gennaio successivo) in base all’inflazione e all’evoluzione dei prezzi al consumo)".

mschira@caffe.ch
17.09.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti