Salario minimo e precariato raccontati da una commessa
"Dopo l'ultima crisi
la realtà è peggiorata"
MAURO SPIGNESI


Sino a tre, quattro anni fa prendevo circa tremila franchi al mese. Poi pian piano la situazione è cambiata. La paga si è ridotta insieme all’orario e adesso non arrivo più a quella cifra", racconta Anna. F., 47 anni, mamma di due bambini, separata e frontaliera. Lavora in un negozio di abbigliamento di un grande centro commerciale. "Faccio i turni. E devo ringraziare che almeno un posto di lavoro sono riuscita a mantenerlo. Perché - racconta - con la crisi tante mie colleghe lo hanno perso. Molte sono riuscite a trovare un altro posto, ma altre sono ancora disoccupate".
Nel settore del commercio, a parte la grande distribuzione e le marche più importanti, ci sono dipendenti di negozi più piccoli, magari appunto in importanti centri commerciali, che non raggiungono i 20 franchi all’ora. E si salvano, facendo gli straordinari. "Un tempo il nostro - racconta Anna - era un lavoro ricercato. In Ticino apprezzavano chi aveva già lavorato in un negozio, conosceva i prodotti e sapeva trattare con la clientela. Poi, progressivamente, come ho detto, la situazione si è deteriorata. Tante aziende hanno rivisto la propria strategia e hanno cominciato a tagliare per restare a galla. Così anche le condizioni salariali sono peggiorate. Ma è l’insieme ad essere cambiato. Ad esempio oggi se non arrivi in auto con altri colleghi non hai il parcheggio. Chi ha impegni la mattina, come accompagnare i figli a scuola, fatica a trovare colleghi che gli diano un passaggio. E pagare un posteggio diventa un lusso che pochi si possono permettere".

m.sp.
17.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel