I 150 euro pagati a Dadò e compagna dal patron di Argo
Il regalo per la vacanza
nel periodo di prova
R.C.


Grand Hotel Bagni Vecchi. Sì, un bell’hotel disse Marco Sansonetti a C.F.. Un bell’hotel a Bormio. Lo conosco. Potrei prenotare io. Detto fatto. Fu così che Sansonetti nell’ottobre 2014 chiamò l’hotel, e prenotò un weekend per C.F., responsabile del Servizio richiedenti l’asilo e il suo compagno, Fiorenzo Dadò.  Sansonetti pagò una sorta di caparra, 150 euro, e lo fece con la carta di credito della ditta di cui era titolare, Argo1. Partì quel giorno, proprio quel giorno la valanga che questa settimana ha travolto C.F., interrogata dalla magistratura ("accettazione di doni") per cui è stato emesso un decreto d’abbandono, ma resta sotto inchiesta amministrativa per decisione del governo. E non di meno ha messo in seria difficoltà il suo compagno Dadò. Ho peccato di ingenuità, ora dice il deputato, ripensando a quei 150 euro che gli furono scontati dalla fattura dell’hotel.
Argo1 è la società che proprio in quel periodo,  l’ottobre di tre anni fa, aspettava di vedersi confermato definitivamente un contratto milionario per la gestione della sicurezza nei centri profughi nel cantone. Un contratto firmato nemmeno un mese prima, in settembre. Aveva effetto retroattivo, partiva infatti da luglio cioè da quando Bellinzona aveva deciso di cambiare la ditta fornitrice del servizio. Da Rainbow ad Argo1. Dava più affidabilità, hanno detto i vertici del Dipartimento della socialità interrogati questa primavera dalla Sottocomissione parlamentare di vigilanza. Si indaga per capire con quali criteri, perché detto altrimenti si scelse quella ditta e soprattutto la decisione non venne mai ufficilizzata. Mai passò al vaglio del governo. Per circa tre anni e per un importo pagato alla Argo1 di oltre 3 milioni di franchi.
Marco Sansonetti - che arrestato a febbraio è sotto inchiesta per i reati di usura, sequestro di persona e atti di violenza su un asilante, ma ora spuntano anche presunti pagamenti in nero ai dipendenti - consigliò a C.F. l’hotel di Bormio. Ma soprattutto si premurò di prenotare e versare in anticipo 150 euro. La magistratura, che dalla direzione dell’hotel nelle settimane scorse ha ricevuto la copia della fattura, ha accertato che quei 150 euro equivarrebbero più o meno al valore di due cene consumate dalla coppia in hotel.
Un gesto di cortesia quello di Sansonetti, certamente, avvenuto però in un periodo delicato nei rapporti fra l’amministrazione cantonale e Argo1. Le persone interrogate dalla Sottocommissione parlamentare, il capodivisione e il capoufficio responsabile di C.F., hanno spiegato a verbale che il contratto firmato in settembre con la società di Sansonetti non era per nulla definitivo. L’autunno fu infatti considerato un periodo di prova. Soprattutto perchè Argo1 in quel tempo stava nascendo e si stava ancora strutturando.
24.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel