Pistole e fucili sempre più spesso nel bottino dei ladri
"In un anno sparite
921 armi da fuoco"
MAURO SPIGNESI


Al di là dei registri, al di là dei controlli e delle polemiche, restano i furti. Perché fucili e pistole sono pezzi di refurtiva importanti per i ladri. Tanto è vero che fra il 2015 e il 2016 sono state rubate 29 tra pistole e fucili, mentre a livello nazionale le armi rubate sono state 921. Buona parte, a quanto è emerso, sono state sottratte durante furti nelle case. Si tratta di 562 pistole, 154 fucili, 101 revolver, 33 pistole da tiro sportivo, 29 armi ad aria compressa, 16 carabine militari, 15 mitraglie e 11 pistole a salve. Ed è Svitto con 127 armi rubate il cantone dove i ladri si sono dati più da fare. Queste pistole e fucili poi vanno al mercato nero. E poi riemergono. Magari per un delitto o una sparatoria. Oppure, come è capitato, nelle tasche di rapinatori che arrivano dall’Est dove il commercio illegale è in mano mafia balcana.
Pistole, fucili e mitra, poi, alimentano il mercato clandestino lungo la linea di frontiera. In particolare vengono contrabbandate armi militari. Lo storico Peter Hug tempo fa ha calcolato che negli anni sono state distribuite su scala nazionale qualcosa come 1,3 milioni di fucili da guerra, oltre 200mila sarebbero finiti all’estero. Tanto è vero che in diverse inchieste su mafia e ‘ndrangheta in Italia sono spuntati mitra i pistola militari in uso all’esercito rossocrociato. Un anno fa, ad esempio, era emerso che il clan dei Ferrazzo, una ‘ndrina operativa nella provincia di Crotone, era cliente abituale del bazar clandestino elvetico delle armi. Lo hanno ricordato i giudici calabresi nelle loro sentenze, spiegando che la banda ha punti di riferimento "a Lavena Ponte Tresa, nonché in altri comuni del confine italo-svizzero e nella stessa Svizzera".
24.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano