Divieti aggirati e l'etilismo tra i ragazzi allarma le famiglie
Immagini articolo
Su giovani e alcolici
i controlli fanno acqua
MAURO SPIGNESI


Una birra, una bottiglia di vino o di vodka. Una trasgressione da sabato sera per tanti ragazzi, che sfidano la legge o ricorrono a vari sotterfugi pur di procurarsi l’alcol. Anche se minorenni. E allora, se a livello nazionale l’anno scorso sono stati effettuati 8.500 test d’acquisto di alcol, una "trappola" per i gerenti disonesti, e il 32% ( 3% sul 2015) sono risultati illegali, perché gli acquirenti non avevano ancora 16 anni, in Ticino la Polcantonale ha affibbiato tre multe ai gestori di esercizi pubblici, negozianti e adulti. Motivo? Avevano fornito o venduto alcol a minorenni. E se i numeri sono certamente bassi, ciò che preoccupa gli esperti è un altro aspetto. E cioè la tendenza, il fatto che dal 2013 al 2015 le multe erano ferme a una all’anno. Quello che è cambiato, inoltre, ma un po’ tutti sapevano e temevano perché è una verità che spaventa, è che per i minorenni comprare alcol è facilissimo. Inoltre è caduto il tabù delle vendite vietate in autostrada e ora il governo dovrà elaborare uno specifica norma.
I test d’acquisto effettuati a livello nazionale, che mostrano una crescita del 3 per cento di vendite d’alcol a ragazzi che hanno raggiunto l’età legale (16 anni per birra e vino, 18 per i superalcolici), sono stati estesi. E dunque i controlli non sono stati effettuati soltanto nei chioschi delle stazioni di carburante, dove peraltro i gestori sono molto attenti, ma anche presso bar, eventi e feste. E proprio da questi luoghi erano arrivati i segnali più preoccupanti. Anche in Ticino. Basta ricordare le foto che erano girate sui social dopo un concerto alla piscina di Bissone, con centinaia di bottiglie e lattine di birra all’ingresso della struttura, poi portate via dagli operai dell’impresa di pulizia. O davanti alle feste sempre organizzate nelle piscine durante l’estate. "Il consumo eccessivo di alcol è spesso associato a comportamenti problematici - osserva Guido De Angeli, dell’associazione per la prevenzione delle dipendenze Radix -. Si va dalle violenze ai vandalismi, fino al littering. Malgrado le leggi, l’alcol resta di facile accesso. Una situazione che non ci soddisfa, perché il consumo tra i minorenni inflisce sullo sviluppo del cervello. E più bevi da giovane, più rischi di trascinarti problemi in età adulta. Come agire? Con prevenzione, certo, ma bisogna riflettere anche ad un corretto equlibrio con una certa repressione".
Oltre le multe, naturalmente, ci sono altri provvedimenti amministrativi che possono essere presi nei confronti di chi vende alcol ai minorenni. E va ricordato che i test d’acquisto, che vengono effettuati siatematicamente in tutti i cantoni attraverso le strutture di prevenzione, non sono ammessi come mezzi di prova in caso di procedura penale. Pertanto non comportano alcuna multa e non rientrano nelle statistiche delle sanzioni che in qualche modo restituiscono la dimensione del fenomeno. Sono tuttavia indicativi, perché vengono effettuati attraverso minorenni; nel caso riescano ad acquistare alcol devono consegnare le bottiglie agli adulti delle associazioni che li accompagnano, i quali a loro volta richiamano i gestori. "La strategia preventiva in atto a livello nazionale mette al centro la riduzione delle conseguenze negative derivate dal consumo di alcol tra i giovani - spiega Jann Schumacher, vice direttore di Ingrado Ticino, associazione al fronte nella prevenzione -. Si parte dal presupposto che l’esperienza dell’alcol verrà comunque fatta dalla grande maggioranza dei giovani. L’importante è fare in modo di ridurre i rischi attraverso una corretta informazione a proposito di cosa si va a ‘sperimentare’".
Ma dove si acquistano più facilmente birra, vino o alcolici? A livello nazionale al primo posto ci sono i take-away, al secondo i distributori all’ingrosso e al terzo i commercianti al dettaglio, solo al quarto (appena il 18 per cento) le stazioni di servizio. A livello cantonale, secondo uno studio del Dipartimento sanità in collaborazione con Radix, presentato a febbraio, ed effettuato in 205 punti vendita di tutta la regione, ristoranti e bar erano quelli (65 per cento) che vendevano più alcol ai minorenni. A seguire take away, chioschi, pub e negozi. Anche in questo rilevamento, così come a livello nazionale, le stazioni di servizio, aperte sino a tardi la sera e nei festivi, sono le più attente nell’evitare illegalità. Nel test, poi, è emerso che nel 76 per cento dei casi non era stato chiesto un documento. "Gli adulti devono assumere maggiormente le loro responsabilità - conclude De Angeli -. Perché anche chi acquista alcol per conto di un minorenne può essere perseguibile. Non sempre gli adulti in questo danno il buon esempio!"

m.sp.
24.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin