I reati tra le mura domestiche preoccupano la Svizzera
Omicidi in forte calo
ma cresce la violenza
MASSIMO SCHIRA


Quello della violenza tra le mura domestiche è uno dei nervi scoperti delle società moderne. Lo è anche in Svizzera, dove lo scorso anno il numero di casi è nuovamente cresciuto, del 2 per cento su scala nazionale, con oltre 17.500 reati consumati "in casa". Una tendenza ancor più evidente in Ticino, dove, dopo un periodo di calo, gli interventi di polizia per violenze domestiche è tornato sensibilmente a salire: più 13 per cento nel 2016, con 672 reati registrati. Quasi due al giorno. Una situazione preoccupante, che ha spinto anche il governo cantonale ad accelerare i tempi per varare una nuova legge "ad hoc", che verrà discussa in parlamento nei prossimi mesi con lo scopo di dare un giro di vite a questo fenomeno, snellendo la procedura d’intervento da parte della polizia, e portare così alla luce anche il "sottobosco". Ossia il gran numero di casi, soprattutto con donne quali vitttime, che dentro le mura domestiche rimangono nascosti.
Se il numero complessivo dei reati commessi evidenzia tutta la gravità del problema, il tipo di violenze consumate sta mostrando un’evoluzione. In Svizzera, il numero degli omicidi in ambito domestico, nel 2016, è quasi dimezzato rispetto all’anno precedente (19 casi contro i 36 del 2015), mentre in Ticino dopo il solo caso del 2015, nel 2016 non si sono registrati fatti di sangue dalle conseguenze tanto drammatiche. Vi è però un trend esattamente opposto per quanto riguarda le lesioni, con un chiaro aumento dei reati registrati, sia sul piano nazionale, sia su quello ticinese. Un segnale che evidenzia due cose: da un lato, la crescita del numero delle denunce - fatto certamente positivo in sé, perché denota una minore "omertà" -, dall’altro, comunque, una propensione maggiore nel passare dalle liti verbali alle vie di fatto.
Numericamente, il reato più comune tra quelli legati alla violenza domestica è comunque rappresentato proprio dalle "vie di fatto", ossia le percosse senza causare danni alla vittima, con quasi 5.500 casi in Svizzera. In Ticino, invece, sono le lesioni semplici ad essere più numerose, con quasi 250 casi nel 2016. Molto comuni e parecchio denunciate sono anche le minacce, fattispecie in cui - dal 2004 - i reati commessi all’interno del matrimonio o dell’unione domestica sono perseguibili d’ufficio. Quasi altrettanto comuni sono le ingiurie, che risultano in crescita sia nelle statistiche di polizia nazionali, sia in quelle cantonali limitate al Ticino.
L’attenzione, insomma, resta molto alta in tutta la Svizzera, dove l’evoluzione della violenza domestica viene costantemente analizzata alla ricerca di soluzioni per meglio proteggere le fasce più deboli, come donne e bambini.

m.s.
24.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni