Maggiore severità per combattere la violenza domestica
Immagini articolo
Terapia e bracciale
contro le botte in casa
PATRIZIA GUENZI


In Svizzera la coppia uccide. Lo scorso anno diciotto donne sono morte per le botte del loro partner. Una su cinque subisce violenza fisica o sessuale almeno una volta nella sua vita per mano del compagno, del coniuge o dell’ex. Numeri che fanno riflettere e che hanno spinto alcuni politici a proporre un inasprimento della legge, con la messa in pratica di misure come l’allontanamento sistematico da casa del colpevole per almeno trenta giorni, l’obbligo di seguire una terapia e il bracciale elettronico.  
In realtà, alcuni Cantoni hanno da tempo già messo in campo misure più severe. In Ticino - la polizia interviene in media più di due volte al giorno per situazioni di violenza domestica - dal 2008 è stata introdotta la misura di polizia di allontanamento del coniuge violento. Nei prossimi mesi si tornerà a parlare dell’argomento. "Ma in discussione non c’è certo né un sostegno riabilitativo obbligatorio né l’utilizzo del bracciale elettronico", precisa Michela Delcò Petralli, parlamentare dei Verdi , che già nel 2012 chiedeva al Consiglio di Stato di prevedere per tutti i coniugi violenti, indipendentemente da un’eventuale sanzione penale, queste due misure. "Oltre ad adottare uno strumento diagnostico per valutare il potenziale di recidiva e il grado di rischio futuro per la vittima - aggiunge -, che possa orientare l’autorità penale sulla presa di misure preventive nei confronti della coppia".  
Delcò Petralli sottolinea soprattutto la latitanza del Cantone "che nell’ambito della prevenzione da anni non fa nulla. Mentre sarebbe compito suo  organizzare delle campagne di sensibilizzazione, sui rischi della violenza in famiglia e sull’importanza in generale del rispetto nei confronti dell’altro", spiega. E così, i privati hanno deciso di far da sé. Per il 2018 un gruppo di associazioni attive nell’ambito del sostegno familiare e sociale sta infatti preparando uno spot televisivo, che sarà trasmesso alla Rsi, per sensibilizzare il pubblico sul fenomeno della violenza domestica. Vi sarà anche un sito internet e una App con le principali informazioni sui servizi per le vittime e gli autori di violenza domestica.
Negli anni Novanta in Ticino sono nate due case di accoglienza delle vittime che garantiscono protezione e opportunità a donne sole o con figli che subiscono violenza. Mentre negli ultimi 15 anni è cambiata la legislazione a livello federale e cantonale, che prevede l’introduzione della perseguibilità d’ufficio di un importante numero di reati, l’adozione della Legge sulle vittime di reati e misure di allontanamento. Recentemente è stata ratificata anche dalla Svizzera la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica - Convenzione di Istanbul 2011- che implicherà un impegno maggiore a livello nazionale sul piano della prevenzione. In Ticino l’Ufficio di Patronato mette a disposizione uno spazio di ascolto, di confronto e di sostegno sociale, operando nell’ambito penale e post-penale. Un servizio che serve per prevenire gli atti di violenza verbale o fisica tra le mura domestiche.
Ma intanto, la coppia continua ad uccidere. A spingere ulteriori misure per contrastare il fenomeno anche Claire Attinger Doepper, granconsigliere socialista vodese e presidente della Commissione della politica familiare, che biasima il poco interesse di alcuni politici su questo fronte e auspica che "in Svizzera la si smetta finalmente di ritenere sacrosanta la sfera privata anche di fronte a fatti di violenza gravi; un atteggiamento che di fatto impedisce interventi esterni. Allontanare il colpevole mi sembra il minimo e anche obbligarlo a un colloquio tererapeutico prima di incontrare il giudice, quando è ancora un presunto colpevole. Se poi la legge federale sarà modificata l’autore della violenza, se particolarmente grave, potrà essere costretto ad indossare il bracciale elettronico". Un’ottima idea, quest’ultima, sostenuta anche da Delcò Petralli.
A tuttoggi soltanto Neuchâtel, Ginevra e Zurigo hanno adottato le misure auspicate dalla parlamentare Attinger Doepper, che conclude: "Ricordiamoci che la violenza domestica non è un affare privato, ma concerne tutta la società".

p.g.
24.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel