Il presidente di Gastroticino su vino e birra ai giovani
Immagini articolo
"Noi non speculiamo
sulla salute dei minori"
MASSIMO SCHIRA


Quello del consumo di alcol da parte di giovani nei locali pubblici è un tema capace di tornare d’attualità con preoccupante puntualità. Anche perché molti test d’acquisto svolti a livello nazionale (vedi articolo principale) segnalano come bar e ristoranti restino molto a rischio, con una facilità d’accesso  agli alcolici da parte dei minorenni sempre piuttosto marcata. "La nostra capacità di prevenzione sta arrivando onestamente al suo limite. O poco ci manca - spiega Massimo Suter, presidente di Gastroticino -. Ci siamo molto impegnati nella prevenzione negli ultimi anni, in ogni locale il volantinaggio sul tema alcol e minorenni è sempre ben visibile e l’attività di sensibilizzazione del personale nei corsi di formazione non si è mai fermata. Ci si accusa di voler guadagnare speculando sulla pelle dei minorenni, ma non è così. Un bar guadagna anche  (forse di più) vendendo una Coca Cola, non solo vendendo una birra".
Malgrado gli sforzi, insomma, si fatica a venire a capo di quello che appare come un trend visibile su tutto il territorio nazionale. Per chi si trova confrontato con il problema, però, la ricerca delle soluzioni appare complessa. "Serve maggiore autoresponsabilizzazione del singolo, anche attraverso l’educazione in casa - sottolinea ancora Suter -. Noi non abbiamo influenza su quel che accade fuori dai locali pubblici e il più delle volte i minorenni arrivano già ‘alterati’, ad esempio, nei bar. Ma alla fine sembra che si siano ubriacati nei locali, mentre invece il problema va ricercato sugli scaffali dei grandi magazzini".
Secondo Suter, il controllo totale su quanto si vende in bar e ristoranti è praticamente impossibile. "Qualcosa può sempre sfuggire, anche perché moltii giovani hanno caratteristiche ‘morfologiche’ che suggeriscono che abbiano già superato i 18 anni - aggiunge -. Sono diventati difficili da riconoscere e lo dico molto sinceramente. D’altra parte non si può chiedere un documento a tutti i clienti". Qualche riflessione "politica", il presidente di Gastroticino la riserva alle differenze intercantonali. "In Ticino siamo orientati ad una certa rigidità - commenta Suter -. Fino a 18 anni, niente alcol. In altri cantoni, invece, l’apertura ai sedicenni per il consumo di sidro e birra riduce quanto meno un po’ la pressione. Non dico che sia la via giusta da seguire, ma per i ristoratori i controlli sono diventati difficili. Qualcuno può sempre sfuggire".
Il lavoro di prevenzione e sensibilizzazione con il personale, comunque, è destinato a continuare. "È un impegno quotidiano - conclude Suter -. Sia per le aziende, sia durante i corsi di formazione".

m.s.
24.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La polizia e il migrante,
i perchè di una tragedia
L'INCHIESTA

Sono 85 mila i ticinesi
tartassati dalle Casse
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ora aleggia il fantasma
del camionista polacco
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Dietro le autonomie
solo forza economica
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
13.10.2017
Concorso letterario "Castelli di carta" – Cerimonia di premiazione, martedì 24 ottobre 2017, ore 18.30
13.10.2017
Aggiornata la pagina Protezione ABC con la pubblicazione dei dati statistici inerenti gli interventi del picchetto NOI nel 2016 [www.ti.ch/protezioneabc]
04.10.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 16 ottobre 2017.
28.09.2017
Pubblicati i dati statistici del passaggio di autobotti con merci pericolose sull'autostrada A2 presso Coldrerio nel 2016 [www.ti.ch/protezioneabc]
26.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2017
25.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2017
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
auto piomba
sul marciapiede,
diversi feriti

Russia:
Onda di proteste
anti-Putin finisce
in repressione