A Bellinzona niente irregolarità ma le "denunce" proseguono
Immagini articolo
È ancora emergenza
per i maltrattamenti
PATRIZIA GUENZI


Un’inchiesta che si chiude, ma un fenomeno che resta preoccupante. In settimana il Municipio di Bellinzona ha annunciato l’esito dei suoi accertamenti tra i dipendenti della residenza Pedemonte. Un’indagine che, dopo l’articolo del Caffè in cui un gruppo di impiegati denunciava il comportamento di una caporeparto, non ha evidenziato anomalie. Anche se gli stessi dipendenti hanno ancora ribadito al giornale quanto segnalato negli scorsi mesi. La ragione? La paura di raccontare, dicono le persone che lavorano nella struttura, il timore di perdere l’impiego.
Non per nulla, come si leggeva ieri, sabato, sul Corriere del Ticino - che parlava di una trentina di segnalazioni l’anno nel cantone di maltrattamenti tra case anziani e cure a domicilio - a portare alla luce situazioni dubbie sono di solito parenti e praticanti. Resta l’emergenza, dunque, resta la difficoltà di prevenire. E restano le denunce talvolta anonime, talvolta no (come nel caso della lettera ricevuta per conoscenza che pubblichiamo qui sotto; il riferimento non è alla casa Pedemonte di Bellinzona, ma alla casa "Mesolcina").


Lettera al Municipio
Vi ho raccontato cosa accadeva a mia madre, ma nessuno...

Lodevole Municipio di Bellinzona, sono contenta di aver appreso che, dagli accertamenti da voi voluti in merito ai presunti maltrattamenti in casa per anziani (ndr. Pedemonte), non siano emersi casi gravi. Mi permetto per contro esprimervi il mio rammarico per le affermazioni che tutto funzioni perfettamente. In casa anziani lavorano anche persone fantastiche che trasmettono all’ospite quel calore umano che, a volte, non esiste più neanche in famiglia e per loro ho deciso di non accettare un verdetto di assoluzione totale. Tra i curanti, c’è anche chi, purtroppo, non dimostra di avere la sensibilità necessaria a svolgere compiti impegnativi come l’assistenza a persone debilitate. Naturalmente lo stress e la stanchezza provocano situazioni di disagio sia a chi lavora sia agli ospiti ma questo non può scusare tutto.
Per tornare a ciò che accadeva in casa anziani  (ndr. qui il riferimento è alla casa "Mesolcina") potrei portare parecchi esempi, quali campanelli di allarme che segnalavano una situazione di disagio. Per concretizzare citerò solo quello che ritengo più significativo: per alcuni giorni, senza che io mi accorgessi di niente, malgrado le visite quotidiane, è stata utilizzata per mia madre una protesi rotta (4 denti!). Non si tratta, a mio modo di vedere, solo di negligenza,  bensì di mancanza di rispetto verso una persona inerme. Approfittare del suo stato per sfuggire alle proprie responsabilità, continuando a metterle una dentiera rotta che, detto per inciso, avrebbe anche potuto ferirla, non mi sembra per niente professionale né, tanto meno, etico. Mentre al piano si faceva orecchio da mercante la direzione ha prontamente pagato la fattura ma questo, evidentemente, non era il problema che mi stava più a cuore. Ho sempre cercato il dialogo, scontrandomi con un muro invalicabile, e questo non mi consentiva di avere un rapporto di fiducia con chi avrebbe dovuto garantirmi la comunicazione. Per altri aspetti non troppo edificanti avevo trasmesso, a suo tempo, la copia del formulario Supsi (che non ho spedito proprio perché ritengo che i problemi non vanno ingigantiti ma, nel limite del possibile, vanno affrontati all’interno per cercare di stabilire una collaborazione tra le parti alfine di trovare soluzioni costruttive) direttamente al direttore, signor Lüthi, non ottenendo alcun riscontro.
Alla luce di quanto esposto non posso perciò accettare che si continui ad affermare che tutto funzioni e funzionasse al meglio in casa anziani e, forse, sarebbe meglio pensarci prima che accada ciò che non dovrebbe.

Nadia Solari, Bellinzona
24.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel