Cambiano i percorsi dei migranti dall'Africa all'Europa
Nuovi porti di partenza
dopo i blocchi libici
MAURO SPIGNESI


Cambio di rotta. E anche di mezzo. Perché dopo la stretta in Libia, stanno progressivamente cambiando i porti di partenza dei gruppi di profughi diretti in Europa che non attraversano più il mare in gommone ma su vecchie, sgangherate barche di legno. Per avere una visione complessiva, per rendersi conto di come sta mutando lo scenario del Mediterraneo, basta dare uno sguardo al sito dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). Oggi i flussi hanno origine in Tunisia e Algeria e il capolinea sono oltre la Sicilia anche la Sardegna, che ha registrato un notevole numero di arrivi (oltre 800 fra luglio e agosto e 300 tra martedì e mercoledì scorso), con sbarchi perfino nelle spiagge. Poi c’è il Marocco che sta funzionando come punto di partenza per la Spagna. Infine dalla Siria e dal Medio Oriente ora i profughi fanno tappa in Grecia per poi proseguire verso il capolinea che spesso è la Germania o il Belgio. Anche le immagini sono cambiate, insieme alle rotte. Niente più gommoni carichi all’inverosimile ma barchette da 20 massimo 30 persone. Secondo la polizia italiana con il cambio di scenario e il blocco con i controlli nelle coste libiche e nei porti di partenza sono tornati in gioco i vecchi scafisti, quelli che per anni hanno perduto fette consistenti di business. Ad esempio una elle rotte che sono tornate d’attualità è quella dell’enclave spagnola di Ceuta, in Marocco. Qui - come hanno riportato giornali e telegiornali - molti migranti a più riprese hanno sfondato reti e muri per oltrepassare il confine.
Ma è soprattutto in Tunisia, Marocco e Algeria, che gli scafisti hanno visto crescere le richieste e i viaggi. La polizia di ragusa a metà settembre è riuscita ad arrestate cinque tunisini che hanno una età tra i 38 e i 27 anni. Per loro l’accusa è favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sono stati incastrati da un filmato contenuto nel telefonino di una donna che avevano trasportato. Perché poi quasi nessuno dei profughi che pagano il viaggio parla davanti alla polizia. Per paura e perché spesso gli stessi scafisti seguono famiglie e giovani sino al Paese di destinazione. A tunisini, algerini e marocchini si è aggiunta, come supporto sulle coste, la criminalità organizzata italiana.
Ma nonostante i controlli, anche nei porti libici l’attività prosegue. Non come un tempo, ma c’è. Tanto è vero che settimana scorsa proprio l’Unhcr ha scritto che "la Libia rimane una delle situazioni migratorie miste più complesse del mondo". Qui  i migranti vengono accompagnati attraverso "percorsi pericolosi, sopravvivendo ad attraversamenti pericolosi del deserto e abusi che includono violenza sessuale, tortura, detenzione in condizioni disumane e rapimenti per il riscatto. Tutto questo prima ancora di imbarcarsi sull’incrocio mortale del Mediterraneo centrale, dove il rischio di morire è uno su 39".
A questa settimana le vittime registrate sempre da Unhcr erano 2.681.
01.10.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo