C'è chi regala un organo anche senza legami familiari
Sono in aumento
le donazioni tra viventi
PATRIZIA GUENZI


Negli ultimi anni il numero di donazioni "da vivente" è molto aumentato. Rappresentano circa la metà di tutti i donatori. Nella maggior parte dei casi avviene tra persone unite da legame affettivo (donazione dedicata). In teoria, è possibile donare un rene o un polmone e continuare a vivere. Anche dal fegato si può prelevarne una parte, è infatti un organo che si rigenera. La donazione da vivente presenta indubbiamente dei grandi vantaggi, ma pure dei rischi per i donatori. Da un lato si possono effettuare con calma tutti gli accertamenti medici preliminari e pianificare in modo ottimale il momento esatto dell’intervento; i pazienti devono attendere di meno per ricevere un organo. E ancora, nelle donazioni tra consanguinei le reazioni di rigetto sono meno gravi. Tutti fattori, questi, che migliorano le prospettive di riuscita di un trapianto. Tuttavia, i donatori corrono dei rischi per la loro salute, direttamente legati allʼintervento o a lungo termine, differenti a seconda dell’organo donato. Da qui l’esigenza di effettuare un accertamento approfondito dello stato di salute dei candidati a una donazione da vivente. Dopo il prelievo di un organo, i donatori devono ricevere un’assistenza medica molto accurata.
Non solo. Oltre all’accertamento dello stato di salute di chi dona, serve verificare dettagliatamente in un colloquio preliminare le motivazioni della sua decisione. In particolare vanno considerati eventuali rapporti di dipendenza nella cerchia familiare o la presenza di pressioni psicologiche. Le direttive e le raccomandazioni di etica medica concernenti le donazioni da vivente elaborate dall’Accademia svizzera delle scienze mediche forniscono un aiuto per accertare questi aspetti medici e psicosociali.
La legge sui trapianti permette anche donazioni "da vivente" tra persone che non si conoscono, le cosiddette donazioni non dedicate. Esiste pure quella incrociata, quando due o più coppie donatore-ricevente si "regalano" reciprocamente un organo perché all’interno della singola coppia vi è una qualche incompatibilità. Per legge, una donazione da vivente deve essere un atto gratuito. I costi dell’intervento, dell’assistenza post-operatoria e un adeguato indennizzo per la perdita di guadagno effettivamente subita sono assunti dalla cassa malati del ricevente. Se la donazione è destinata a un bambino, dei costi si fa carico l’assicurazione invalidità. Tutte le persone che hanno donato un organo da viventi sono iscritte nel Registro svizzero sulla salute dei donatori di organo viventi e sono sottoposte periodicamente a esami medici. Questo per individuare e trattare per tempo eventuali problemi di salute.
08.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe