Progetto del Consiglio federale per aumentare ii trapianti
Così Berna triplicherà
i potenziali donatori
PATRIZIA GUENZI


Con la campagna "Più organi per i trapianti" il Consiglio federale intende aumentare i potenziali donatori. L’obiettivo è arrivare a 20 donatori post mortem per milione di abitanti entro il 2018. Nello stesso tempo, Berna intende anche dare più mezzi e risorse ai professionisti della salute per la formazione e il personale attivo nei reparti di cure intensive. Secondo uno studio in Svizzera si potrebbe raggiungere un tasso di donatori deceduti circa tre volte superiore a quello attuale.
Intanto, negli ultimi anni il numero di donatori post mortem è rimasto pressoché costante e quello delle persone in attesa di trapianto è aumentato nettamente (vedi articolo principale). Sviluppo peraltro imputabile al fatto che i progressi della medicina hanno contribuito affinché il trapianto diventasse sempre più un’opzione terapeutica.
Tuttavia, secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica la Svizzera non avrebbe sfruttato al meglio il bacino di potenziali donatori. Emerge dallo studio "Swiss Monitoring of Potential Donors" (SwissPOod), che ha esaminato tutti i casi di decesso verificatisi in tutti i reparti di cure intensive e in molte unità di pronto soccorso degli ospedali svizzeri, valutando parallelamente la procedura seguita in materia di donazione di organi. Da un confronto internazionale risulta che in Svizzera il tasso di familiari che non prendono in considerazione una donazione di organi è superiore alla media. Si riscontrano pure disparità crescenti a livello organizzativo e non sempre i possibili donatori vengono identificati. Gli autori dello studio stimano che in Svizzera si possa raggiungere un tasso di donatori deceduti circa tre volte superiore a quello attuale.
L’analisi della situazione a livello internazionale, effettuata tenendo conto della letteratura scientifica e delle esperienze all’estero, mostra che l’adozione di misure isolate non sarebbe sufficiente ad aumentare in modo durevole il tasso di donatori. In compenso, Paesi come la Spagna e l’Austria sono riusciti ad accrescere considerevolmente il numero di donatori, selezionando in modo accurato misure appropriate e applicandole in maniera mirata all’interno di un piano d’azione. Nel corso di questi ultimi anni molto si è fatto in Svizzera: dalla creazione di reti regionali, all’istituzione di centri di coordinamento alla concessione di investimenti per la formazione del personale medico.
08.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe