Continua in Catalogna la fuga di aziende e di banche
Immagini articolo
In Spagna l'impresa
fugge dall'indipendenza
PATRIZIA GUENZI


È allarme investitori in Catalogna. Se gli azionisti respirano dopo la grande paura di mercoledì alla Borsa di Madrid, l’economia trema di fronte allo strappo annunciato da Barcellona. La deriva secessionista che si profila, dopo il referendum della scorsa settimana, sta inducendo le grandi imprese, le banche e le multinazionali a preparare piani di emergenza nel caso in cui il governo catalano dichiarasse unilateralmente la "secessione". E l’impresa teme l’indipendenza in Catalogna, dove continua la fuga di aziende e banche mentre Madrid ha blindato ieri, sabato, con le teste di cuoio aeroporti e altri luoghi sensibili. L’ultima a partire è la "Caixa bank", il primo istituto bancario della regione autonoma, il terzo del Paese, trasferirà la sede a Valencia.
La spinta indipendentista  oltre che col governo centrale deve fare dunque i conti anche con gli investitori. Le insofferenze dei mercati finanziari si sono manifestate immediatamente nell’ambito bancario. Sono molte le aziende che stanno pensando di spostare la propria sede legale in altre regioni del Paese. Grazie al nuovo decreto legge di Madrid sarà ancora più semplice, visto che non dovranno più ottenere l’approvazione dell’assemblea degli azionisti. Ciò varrà per tutte le imprese, escluse quelle che nel loro statuto prevedono espressamente che il Cda non sia competente sul cambio di sede.
Intanto, anche il Fondo monetario internazionale ha lanciato l’allarme: "Se la crisi catalana persisterà, ci saranno seri rischi per l’economia - ha detto a El Pais Andra Schaechter, economista capo missione del Fmi in Spagna -. Le tensioni politiche in Catalogna potrebbero minare la fiducia negli investimenti e nei consumi". E tutto lascia presagire che questo accadrà molto presto. Lo dimostrano i piani di emergenza di banche e multinazionali nel caso in cui il governo catalano dichiari unilateralmente l’indipendenza. I casi di Caixabank e Banco Sabadell, appunto. La decisione di entrambi gli istituti è infatti stata presa per evitare le incertezze legate a un’eventuale dichiarazione di indipendenza della Generalitat. In sostanza, se la regione autonoma dovesse staccarsi dalla Spagna, molto probabilmente la Catalogna uscirebbe anche dall’Unione europea e dall’Eurozona. Mentre con il cambio di sede gli istituti potranno continuare a far parte della Banca centrale dell’Ue e mantenere l’accesso ai suoi contanti.  
Ma l’esodo delle aziende che hanno paura di ritrovarsi fuori dall’Unione europea, in realtà è già iniziato: giovedì il Banco Sabadell ha approvato lo spostamento del suo quartier generale ad Alicante per non restar fuore, ha spiegato, nemmeno un secondo dall’Ue e dalla vigilanza della Bce. Banco Mediolanum, controllata spagnola del gruppo italiano, ha iniziato il trasferimento da Barcellona a Valencia. E lo stesso ha fatto venerdì CaixaBank, l’istituto più grande della Generalitat. Gas Natural Fenosa, partecipata del gruppo Caixa, ha deciso invece di portare la sede a Madrid.
Tutto questo mentre la Catalogna continua a sfidare la Corte Costituzionale. Il Parlamento catalano si riunirà martedì prossimo per approvare la dichiarazione di indipendenza sfidando lo stop di Madrid. Parlamento davanti al quale lo stesso presidente catalano Carles Puigdemont ha chiesto di intervenire "per informare sulla situazione attuale". Emorragia dell’economia compresa  r.c.
08.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin