La presenza dei migranti tra centri federali e appartamenti
Il Ticino dà rifugio
a 1.868 profughi


In Ticino alla fine di settembre c’erano in tutto 1.868 persone in procedura d’asilo. Di queste 444 avevano presentato domanda in prima istanza,   al Centro di registrazione di Chiasso o in altri centri federali, ed erano in attesa di una risposta. Altri 63 aspettavano una decisione di entrata in materia. E 1.349 erano sistemati in appartamenti o centri gestiti da associazioni ed enti incaricati dal Cantone di garantire un alloggio. Tra loro ci sono anche i rifugiati ammessi provvisoriamente per almeno sette anni (248) e oltre (82). C’è da precisare che la quota di ripartizione nazionale per il Ticino è del 3,9 per cento. Sempre a settembre gli stranieri in procedura d’asilo in Svizzera erano 66.420. All’inizio dell’estate, esattamente a giugno, la situazione in Ticino non era molto diversa. Il totale degli asilanti era a quota 1.859, appena 9 persone in meno rispetto a oggi. Di questi 1.320 erano ammessi provvisoriamente. Anche il totale dei migranti a livello nazionale non è cambiato molto. A giugno erano infatti 66.557.
Tra l’inizio di gennaio e la fine di settembre, i principali Paesi di provenienza dei richiedenti l’asilo giunti in Svizzera sono stati ancora una volta l’Eritrea (259 domande; una in meno nello stesso periodo), la Siria (113 domande; 12 in meno), l’Afghanistan (96 domande; 6 in meno), lo Sri Lanka (72 domande; 13 in meno) e la Somalia (70 domande; 48 in meno).
Sempre a livello nazionale e sempre a settembre, la Segreteria di Stato della migrazione ha chiuso in prima istanza 2.142 domande d’asilo: 536 con decisione di non entrata nel merito (di cui 512 in virtù dell’Accordo di Dublino), 598 con la concessione dell’asilo e 623 con l’ammissione provvisoria. Il numero dei casi in sospeso in prima istanza è diminuito di 582 unità rispetto al mese precedente attestandosi a 22 423.
Sempre in settembre, 591 persone hanno lasciato la Svizzera sotto il controllo delle autorità o sono state rimpatriate. La Confederazione, poi, ha chiesto ad altri Stati aderenti alla Convenzione di Dublino di prendere in carico 679 richiedenti l’asilo, e 181 persone sono state trasferite in altri Paesi europei. Dal canto suo la Svizzera ha ricevuto 555 domande di presa in carico da altri Stati accogliendo 77 persone.
22.10.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo