La cacciata di Isis da Raqqa non scongiura nuove tensioni
Immagini articolo
L'agonia del Califfato
non esclude attacchi
GUIDO OLIMPIO


Dopo aver perso Mosul, in Iraq, l’Isis è stato cacciato dalla seconda roccaforte, Raqqa, in Siria. Luogo simbolico dove sono avvenute esecuzioni d’ostaggi e i militanti avevano comandi per dirigere attentati in Occidente.
In pochi mesi il Califfato ha subito perdite consistenti: il suo territorio è diminuito dell’87%, i suoi introiti legati al traffico del petrolio sono scesi del 90%, circa 6 milioni di essere umani non vivono più sotto la bandiera nera. Crollata la produzione di propaganda. Le stime statunitensi sostengono che la fazione può contare nel quadrante Siria-Iraq una forza che oscilla tra il 6500 e i 10 mila uomini in armi, più i simpatizzanti, difficili da quantificare in quanto il supporto è variabile e soggetto a fasi contingenti.
Mese dopo mese i mujaheddin hanno dovuto sostenere una serie di offensive. Usa e curdi nel nord della Siria, milizie sciite e regolari iracheni appoggiati da Iran e Stati Uniti in Iraq, russi e regime di Assad nel nord del Paese: tre assi di attacco che non potevano non incidere. Centinaia di combattenti hanno perso la vita, altrettanti sono stati costretti ad arrendersi, molti i dirigenti eliminati da azioni mirate o dai bombardamenti devastanti (anche per i civili) che si sono abbattuti sulle loro posizioni.
Ora i vertici di Daesh, con al seguito famiglie e unità, si stanno riposizionando nella valle dell’Eufrate, cercano nascondigli nel deserto, usano strade remote per spostarsi e riorganizzarsi. Non è facile quando si è sotto pressione, con il rischio costante di essere inceneriti da un missile. Però si sono preparati sul piano emotivo e pratico. Da tempo i quadri hanno esaltato non solo la cultura del martirio - unque va messa in conto la morte - ma anche quella della "sconfitta". I momenti dove tutto sembra perduto diventano il punto di partenza per rilanciare la sfida.
Gli analisti si aspettano che l’Isis torni all’antico puntando sulla guerriglia, su tattiche mordi e fuggi, su missioni affidate a nuclei rimasti in retroguardia oppure nascosti nelle città abbandonate. Lo si è visto in queste settimane. Parevano sull’orlo del collasso e sono stati capaci di sorprendere i lealisti siriani con incursioni a lungo raggio.
Altri militanti cercheranno di raggiungere aree lontane dove rilanciare la lotta: la Libia meridionale, il Sinai, il Pakistan, ovunque ci sia un’opportunità. Altri ancora potrebbero infiltrarsi di nuovo in Europa, anche se i controlli sono serrati e l’Interpol ha creato un grande database di informazioni. Il pericolo di attacchi è messo nel conto: perché è una minaccia concreta, ma anche per mettere le mani avanti.
L’agonia jihadista non deve far dimenticare un punto. Lo Stato Islamico non è la testa ma la coda del problema. Ci sono istanze, tensioni religiose ed etniche, contrasti regionali tra sunniti e sciiti che forniscono munizioni agli estremisti. Il nazionalismo iracheno, l’espansionismo iraniano, le sponde di alcuni attori del Golfo contribuiranno, su piani separati, a tenere vive le tensioni. Prima al Qaeda e poi i seguaci di al Baghdadi sono stati lesti nello sfruttare gli errori degli avversari. Lo faranno di nuovo. Basta guardare a cosa sta accadendo: Bagdad che muove i tank verso il Kurdistan, i turchi che entrano in Siria pronti a martellare altri curdi. Tutti membri della stessa coalizione che non hanno perso tempo ad anteporre la loro agenda particolare a quella del contrasto all’Isis. Non è un bel segnale.
22.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
il grande giorno
è finalmente
arrivato

L'arduo tentativo
della formazione
del governo
iracheno