L'antica liturgia induista per la vittima tamil di Brissago
Fiori,canti e preghiere
per l'ultimo saluto
MAURO SPIGNESI


Dura almeno sei ore il funerale di un tamil secondo l’antico rito induista. È un lungo addio, un modo per accompagnare l’anima che vola via, con un contorno di canti, preghiere, piccole donazioni. Alla cerimonia partecipano i parenti stretti della vittima ma spesso a loro si stringono intere comunità, come appunto è accaduto a Bellinzona con quella tamil, che in Ticino conta un migliaio di presenze. Il rito induista prevede che il corpo del morto venga avvolto in sudari sopra un lettino ed esposto in modo tale che tutte le persone giunte alla cerimonia possano vederlo per l’ultima volta.
La salma durante la liturgia viene inoltre spostata all’interno del locale secondo precise regole sino a toccare diversi punti cardinali, e attorno al lettino dove è adagiata la salma vengono accese candele profumate. Su un piatto inoltre vengono offerti allo spirito del defunto fiori, monetine, cibo e altri oggetti. Un sacerdote o un parente stretto, come è accaduto venerdì a Bellinzona con la vittima della tragedia di Brissago, coordina la cerimonia e detta i ritmi e le preghiere. Tradizionalmente alla fine del rito, quasi tutti i tamil vengono cremati, ad eccezione dei bambini al di sotto dei cinque anni. È poi consuetudine, almeno nello Sri Lanka, che siano gli uomini ad assistere alla cremazione. Le ceneri poi, vengono disperse nelle acque di un fiume sacro. Quelle della vittima di Brissago, dopo la cremazione, torneranno a Mullaittivu, la città nello Sri Lanka, dove vive la sua famiglia.

m.sp.
22.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano