Ricostruiti gli attimi precedenti la morte del profugo
Immagini articolo
"Polizia, giù il coltello!"
e subito dopo tre colpi


Solo 28 anni. Solo da 5 in polizia. Ma una formazione, racconta chi ha visto il suo breve curriculum, sufficientemente adeguata per far fronte a situazioni di pericolo come quella in cui si è trovato a Brissago nella notte tra il 6 e il 7 ottobre. Un breve curriculum con una solida seppur breve esperienza come guardia del corpo, se così si può dire, cioè agente al seguito di personalità. Teoricamente addestrato ad ogni evenienza, ad ogni tecnica per la difesa delle persone che a lui erano affidate.
Ma torniamo a quella notte. Saranno state le due. Torniamo a quella situazione inaspettata che il giovane poliziotto si è trovato ad affrontare. Tragicamente. Sparando tre colpi e uccidendo un migrante. Ora è sotto inchiesta penale.
Un tamil, un profugo srilankese di 38 anni, forse ubriaco, stava per accoltellare due suoi connazionali. Per futili motivi. Banali, come vedremo. E li stava per accoltellare proprio lì, sull’angusto pianerottolo dove si apre la porta del monolocale in cui era alloggiato. Al primo piano di un vecchio palazzotto vicino al Municipio di Brissago. Al secondo e al pianterreno stavano altri connazionali, tra cui i due con i quali aveva poco prima litigato. Gli stessi che, spaventati, avevano chiamato al telefono la polizia dalla piazzetta del paese. Avevano parlato in inglese e non si erano capiti bene. Ma alla centrale tanto era bastato per intuire che non si trattava di una banalità. I due erano agitati, spaventati, sebbene all’origine ci fosse un diverbio nato per... cose futili. Pare - pare, perché le traduzioni dal cingalese all’italiano si sono dimostrate da subito complesse -, pare che al centro del litigio ci fosse una cena, una cena a cui l’aggressore non sarebbe stato invitato. Sebbene in un primo tempo i due avrebbero raccontato alla polizia che il diverbio era nato attorno ad alcune scelte educative per i figli. Scuola pubblica o privata.
Dalle parole i tre devono essere passati alle urla. Ed è così che di lì a poco è arrivata una pattuglia della "cantonale" e subito dopo una seconda. Gli agenti hanno trovato i due tamil in attesa nella piazzetta e li hanno accompagnati all’ingresso del palazzotto dove alloggiavano.
A coordinare il tutto era proprio il giovane agente. Aperto il portoncino che dà sulla corte di un vicolo, il poliziotto ha dapprima fatto salire le scale in legno ai due tamil. Lui li seguiva distante qualche scalino. Gli altri agenti erano all’ingresso, come aveva ordinato loro il giovane poliziotto. Fra le domande dell’inchiesta: perché a capofila non era il poliziotto?
Uno, due, sei, sette gradini... L’agente è quasi in cima alla scala, mancano tre gradini per arrivare al pianerottolo. È un corridoio largo nemmeno due metri. Davanti a lui i due tamil che ormai sono arrivati sul pianerottolo e stanno per andare verso il monolocale - praticamente nella direzione opposta alla rampa di scale - dove alloggiava il connazionale.
Il pianerottolo è un corridoio lungo tre metri e mezzo, quattro al massimo. È in quel momento, in quell’istante, proprio quando il giovane agente stava poggiando il piede sull’ottavo scalino, l’ottavo di dieci, e prima di girarsi leggermente verso sinistra per imboccare il corridoio..., è in questo istante - quando l’agente ha alla sua sinistra la ringhiera del pianerottolo - che si spalanca la porta in fondo al corridoio. Esce come una furia, così sembrerebbe dalle testimonianze, il tamil con il quale i due avevano litigato. Stringe fra le mani due coltelli. Fa un passo verso i connazionali che indietreggiano impauriti spingendosi con le spalle al muro.
"Alt, polizia. Getta il coltello", urla il giovane agente mentre mette mano alla pistola. Il tamil, in evidente stato di alterazione (forse era ubriaco), fa un altro passo avanti. E siamo ormai a due  metri o poco più dalla parete dove stavano "schiacciati" i due tamil.
Trascorre un secondo, forse tre da quando si era aperta la porta. L’agente per la seconda volta intima l’alt. Ormai ha la pistola fra le mani e si è voltato in direzione del corridoio. È ancora sull’ottavo scalino. La ringhiera, alta una settantina di centimetri, è alla sua sinistra. L’agente si gira verso l’uomo che brandisce i coltelli.
Niente da fare. Il tamil non si ferma. Il giovane poliziotto alza l’arma oltre la ringhiera. Spara due colpi in rapida successione. Colpisce al rene destro il migrante. L’uomo ha un leggero cedimento. Ma non va a terra ed è a questo punto che il poliziotto spara il terzo colpo. Colpisce in pieno torace il tamil.
Qual è stata la  pallottola mortale? Quelle al rene? O la terza? Avrebbe potuto fare altrimenti l’agente per preservare in quei pochi secondi la vita dei due migranti? È a questi interrogativi che l’inchiesta cooordinata dal procuratore Moreno Capella sta cercando di rispondere.
22.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe