I limiti dell'utilizzo dell'arma in ambienti chiusi
Ecco i pericoli
dei colpi vaganti
MAURO SPIGNESI


Va valutato caso per caso, situazione per situazione. Ma certo sparare all’interno di una stanza o di un locale in cemento armato - come quello dove è avvenuta la tragedia di Brissago - è sempre ad alto, altissimo rischio. Perché, spiegano gli esperti, la pallottola può rimbalzare prendendo traiettorie imprevedibili. E finendo per colpire e ferire seriamente chiunque si trovi in un preciso perimetro.
Esplodere un colpo in un ambiente chiuso è sempre un’ultima scelta, estrema, e viene presa quando non ci sono davvero alternative. E di questo fatto sono coscienti anche i tiratori più esperti, quelli che hanno imparato a usare e rispettare l’arma, in particolare la pistola, in tutte le possibili situazioni di pericolo che un poliziotto si può trovare ad affrontare all’improvviso durante un servizio. In particolare è pericoloso sparare in zone chiuse e per giunta poco illuminate, strette dove non c’è possibilità di movimento e dunque secondo l’angolo di tiro si rischia di diventare un facile bersaglio nel caso di una pallottola impazzita.
Diverso il discorso all’aperto, dove le traiettorie possono svilupparsi su spazi molto ampi e dove se una pallottola colpisce il terreno nella maggior parte dei casi vi resta conficcata e difficilmente rimbalza. Ma questo viene già spiegato a chi acquista un’arma e vuole sparare nei diversi poligoni delle associazioni che in Ticino consentono questo tipo di sport.
22.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia