Il futuro dell'aeroporto secondo il sindaco Marco Borradori
Immagini articolo
"Per Agno ora s'impone
un piano B alternativo"
CLEMENTE MAZZETTA


Pur sorpreso per la decisione di Darwin di ridimensionare l’attività dello scalo e non assicurare più i voli di linea su Roma e Ginevra, il sindaco di Lugano Marco Borradori insiste: "C’è bisogno di interventi di sostanza, non solo di restyling per Agno".
Gli investimenti che avevate pensato per rilanciare Agno sono ancora attuali dopo il ridimensionamento annunciato da Darwin, o si impone un piano B?
"I primi investimenti di 20 milioni proposti dal Municipio per l’acquisto di terreni e la realizzazione di due hangar, che in sé sono elementi importanti per il funzionamento dell’aeroporto, oltre ad essere investimenti relativamente sicuri, potrebbero sussistere indipendentemente da ulteriori valutazioni. Ma di fatto s’è sempre detto, e lo ribadisco, che questo primo intervento sarebbe solo il primo passo per quello che sarà il piano di rilancio vero e proprio da attuarsi con un investimento strutturale di 49 milioni da parte di privati".
Cosa pensate di fare a questo punto?
"Se il piano di ridimensionamento di Darwin dovesse confermarsi, così come è stato ventilato, occorre interrogarsi su quello che sarà il piano di rilancio. Occorre guardare con altri occhi il businnes plan e gli investimenti ora all’esame della commissione della gestione del Consiglio comunale. Ed è compito nostro, mio, del Municipio, della Lugano Airport, essere il più oggettivi e corretti possibili".
Quindi concretamente come vi muoverete?
"Quindi la prima cosa che dovremo fare, e lo stiamo sfacendo, è presentare un business plan diverso rispetto a quello in mano della commissione della gestione. Un piano B che prenda atto della nuova situazione, visto che avevamo indicato per il futuro delle nuove destinazioni, un numero di passeggeri che alla luce del ridimensionamento in atto non potrebbero più essere mantenuti".
Senza piano alternativo è inevitabile la chiusura.
"Se l’alternativa è chiudere, si sappia che sarebbe un gesto irreversibile. Chiudere l’aeroporto sarebbe doloroso, ma forse più semplice rispetto alla ricerca di una soluzione. Di certo la chiusura farebbe mancare un’infrastruttura che ha svolto un ruolo importante, si pensi solo all’aviazione privata, ai voli di linea..."
Ritiene l’aeroporto ancora importante per la città?
"Importante per la città e per il Ticino. Avere dei voli di linea per Ginevra e Zurigo, da cui partire per l’Europa e il mondo è un servizio utilissimo per i businnessman, per le aziende, per il turismo, per l’economia".
Però con  Alptransit  con il collegamento ferroviario  per Malpensa, l’importanza di Agno è relativa, non crede?
"Nonostante tutto continuo a ritenere complementari i vettori treno e aereo. Ormai Alptransit è in funzione da un anno e non abbiamo avuto nessun calo di passeggeri sui voli per Zurigo. Concludendo sono dell’idea che l’aeroporto di Agno possa continuare a giocare un ruolo importante per la città, per la regione, per il Ticino. Ma è chiaro che se non si investe, se non si rilancia, l’aeroporto di Agno è destinato a marciare sul posto e, nel medio termine, a declinare".

c.m.
29.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe