I "big data" per combattere il traffico e l'inquinamento
"La tecnologia da sola
per le code non basta"
MAURO SPIGNESI


Le telecamere catturano le immagini di infinite file lungo autostrade e strade cantonali che poi finiscono in un unico elaboratore dove confluiscono anche i dati (anonimi) dei telefonini accesi dentro le auto. Attraverso software dedicati si calcola così l’intensità della circolazione e si riesce anche a indirizzare i flussi lì, dove c’è meno carico veicolare. Un alleggerimento che sottrae dunque traffico e di conseguenza inquinamento. Grazie ai "big data", cioè lo scambio e l’elaborazione di informazioni in tempo reale, è possibile rendere più fluida la circolazione dal 10 sino a 51 per cento, come ha calcolato uno studio effettuato l’anno scorso in zone piuttosto trafficate della Cina da un’equipe di esperti dell’Accademia delle scienze di Guiyang. "Ma anche in Svizzera ci sono esperimenti di questo tipo a Ginevra, Friborgo e Montreux. Anche se il primo è stato fatto 20 anni fa in Belgio", spiega il professor Giuseppe Pini, direttore dell’Osservatorio della mobilità di Ginevra e docente di geografia dei trasporti all’Università di Losanna.
L’uso di "big data" per migliorare il traffico è al centro di una mozione al governo del deputato Marco Passalia (Ppd) che chiede di introdurre uno strumento che sfrutti la tecnologia per "ottimizzare la mobilità cantonale".
Attualmente il Ticino, come è emerso nel rapporto annuale sulla mobilità del Dipartimento del territorio, ha cinque snodi - e cioè Grancia, Maroggia, Chiasso,  Monte Ceneri e Bellinzona - dove il traffico giornaliero medio varia da 49mila a 74mila auto. Dunque una mole enorme che non sempre le strade riescono a smaltire e in certe giornate basta anche un semplice tamponamento o una vettura in panne per mandare l’intero sistema in tilt. "Il problema del Ticino - spiega Giuseppe Pini - è che ormai ha raggiunto la saturazione. Circa 60mila auto di frontalieri, più quelle dei residenti e in molti periodi dell’anno quelle di chi attraversa il cantone per andare in vacanza al sud, rendono la situazione cronica". Insomma, per Pini la tecnologia non può fare miracoli.  Può sicuramente aiutare, ma servono anche le infrastrutture. "Perché - spiega il docente di mobilità - se si elaborano i dati e risulta che in un certo punto c’è troppo traffico e bisogna dirottarlo, faccio un esempio, in una strada cantonale, questa in breve tempo sarà congestionata. In pratica si sposterebbe il problema senza risolverlo".
I tentativi, tuttavia, vanno fatti. Anche perché, e lo sa chi è costretto ad usare l’auto ogni giorno per spostarsi, la situazione in certi orari è al collasso. "Sfruttando i dati - spiega Pini - si può tuttavia aiutare l’automobilista, magari consigliandogli le ore migliori in cui mettersi in viaggio, avvertendolo che se imbocca quella certa strada il tempo di percorrenza si allunga, se invece sceglie l’autostrada, sempre per fare un altro esempio, aumenta il rischio di restare a lungo in fila. La tecnologia è utile, ma servono strade alternative, svincoli, sensi unici, piani delle viabilità". Secondo Pini, invece, "in Svizzera non c’è stato un equilibrio nello sviluppo dei trasporti. C’è sempre stata una inutile contrapposizione tra auto e treno o bus. Fra strada e ferrovia. Tanto che oggi abbiamo le autostrade intasate e non ci sono arterie alternative".
"Quello che io chiedo - spiega al Caffè Marco Passalia - è che l’amministrazione pubblica sfrutti maggiormente la propensione alla digitalizzazione per cercare di risolvere problemi concreti come il traffico e l’inquinamento. Magari cercando anche partner tra le aziende di telefonia per tracciare i dati ed elaborarli".

m.sp.
29.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
il grande giorno
è finalmente
arrivato

L'arduo tentativo
della formazione
del governo
iracheno