Contestato il regime duro della carcerazione preventiva
Immagini articolo
"Alla Farera si vive
murati in una cella"
MAURO SPIGNESI


La Farera è il carcere degli innocenti, perché sino a prova contraria non c’è alcun detenuto colpevole. Sono tutti in attesa di giudizio. Eppure le persone vengono tenute in isolamento per 23 ore al giorno. E c’è poi qualcuno che dice basta". L’avvocato Tuto Rossi cinque giorni prima del suicidio di un detenuto di 67 anni nel carcere giudiziario di Lugano, aveva scritto al giudice una lettera lamentando proprio la situazione della Farera, ma per un altro caso, un suo cliente lì rinchiuso da sei mesi  in attesa del processo. "Io - spiega - non contesto la carcerazione preventiva, se si ha paura che uno fugga, inquini le prove o reiteri il reato, è giusto che stia in cella. Quello che contesto è l’isolamento duro, è un modo di murare viva la gente per mesi, visto che l’unica ora d’aria è in una gabbia di cemento armato. Poi si forniscono i dati dei suicidi, non quelli dei tentati suicidi e dell’autolesionismo".
Rossi ricorda che in altre realtà carcerarie della Confederazione si può lavorare e svolgere altre attività. "Il problema è che la carcerazione preventiva resta uno degli strumenti più usati", spiega Giacinto Colombo, per anni ai vertici delle strutture carcerarie ticinesi e poi coordinatore di progetti sugli istituti di pena in Africa e in altre parti del mondo. "Ogni morto in cella - aggiunge Colombo - per lo Stato è una sconfitta. Non dico sia facile evitare i suicidi. Non sempre ci si accorge delle condizioni psicologiche del detenuto. Il periodo peggiore è nei primi mesi dopo l’arresto, quando si è lontani dagli affetti, c’è magari la presa di coscienza di un errore, di un comportamento penalmente sbagliato. Per quanto possibile si dovrebbero privilegiare le misure alternative, come gli arresti domiciliari. Anche perché in alcuni casi la carcerazione preventiva  è palesemente inadatta come misura e potrebbe apparire come un modo per spingere un detenuto a confessare".
L’avvocato Marco Broggini ricorda d’aver difeso un "falso medico" di 70 anni con un glaucoma. "Perché tenerlo in cella - si domanda ancora oggi - non aveva alcun senso. Personalmente mi sono scontrato più volte con magistrati che volevano la gente in galera anche in inchieste dove si procedeva con prove indiziarie. Poi, oggi parliamo tanto della Farera, ma vogliamo dimenticare le celle delle pretoriali?". Quelle celle dove nel 2001 un uomo di 66 anni si era ucciso impiccandosi con la sua camicia. "Lo ricordo ancora - dice Tuto Rossi - perché scrissi un articolo. Prendo atto che la situazione non è cambiata. Senza contare che molti detenuti in attesa di giudizio vengono poi dichiarati innocenti dai giudici". L’uso restrittivo della carcerazione preventiva viene contestato anche dal penalista Yasar Ravi. "Secondo me - spiega l’avvocato - non si rispettano le indicazioni della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Non si possono tenere in queste condizioni di ristrettezza persone per le quali vale la presunzione di innocenza". m.sp.
29.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe