Il ministro Beltraminelli spiega i retroscena del caso Argo
Immagini articolo
"Sì, ho chiesto io
la verifica su Morini"
STEFANO PIANCA


In direzione abbiamo ricevuto un’informazione che il signor Morini era invalido in Italia…". Spiega così, al Caffè, il ministro Paolo Beltraminelli l’origine delle verifiche sull’ex agente di Argo1, il supertestimone Morini.
Da chi avete ricevuto questa informazione?
"È arrivata un’informazione. È uguale da chi. Ma se una persona è invalida all’estero e lavora qui non è un fatto irrilevante. Dopo averlo saputo, cosa ho fatto? Ho chiesto ai miei collaboratori, nello specifico all’Istituto delle assicurazioni sociali, se risultava loro questa invalidità. Anche perché esiste una collaborazione tra Svizzera e Italia sulle assicurazioni sociali. Si parlano. Non sono due mondi separati".
Dopodiché avuta la risposta dall’Inps come ha proceduto?
"Ricevuta la verifica scritta dall’Italia l’ho spedita al procuratore generale John Noseda e ai miei quattro colleghi di governo".
Ma il fatto che l’ex agente di Argo avesse questa rendita non era irrilevante? Era necessario informare il governo?
"Adesso se uno trasmette qualcosa non va bene, se invece non lo trasmette non va pure bene. Ognuno faccia le sue valutazioni. Arrivata la notizia su Morini è stata verificata e trasmessa. Nulla più".
Quindi, per sgombrare il campo dagli interrogativi, lo Ias non ha passato sotto la lente tutti gli ex agenti di Argo?
"Capisco la domanda, ma ho l’impressione che qualcuno pensi che ci sia da parte mia, o dei miei collaboratori una caccia alle streghe. Guai! I fatti sono molto semplici è stata solo una verifica su un’informazione".
Nel Dss ci sono però stati altri passi falsi. Ad esempio lo scorso giugno c’è stato un incontro alla presenza del suo capodivisione Renato Bernasconi per chiarire la famosa caparra offerta da Argo alla funzionaria Carmela Fiorini e al suo compagno, il presidente ppd Fiorenzo Dadò. Non è grave che lei ne sia stato tenuto all’oscuro?
"Bisogna pensare che il caso Argo risale a 3 anni fa, Renato Bernasconi è arrivato dopo ed è una persona che si assume le proprie responsabilità. Bisogna capire come è costruita la scala gerarchica del Cantone. È un po’ come a militare. Ad ogni livello ognuno ha delle responsabilità e ciò significa fare delle verifiche oggettive. Lui lo ha fatto e, da come lo conosco, ha agito in modo molto dettagliato e minuzioso. Del resto è giunto alle stesse conclusioni del procuratore Noseda. Come è nelle competenze di un capodivisione, Bernasconi ha agito secondo scienza e coscienza. Questo impone la costruzione gerarchica dello Stato".
Invece, fuor di gerarchia statale, il suo presidente, il ppd Dadò non le ha detto nulla dell’incontro. Come mai?
"È una scelta sua. Che non commento".
Ma lei era all’oscuro anche dell’email che sempre il capodivisione Bernasconi ha inviato a Securitas per chiedere di non impiegare un ex agente di Argo…
"Questa è stata un’ingenuità. Lo difendo in tutto, ma dal momento che il nome dell’agente era uscito, se un controllo sull’idoneità era corretto, nei modi lo doveva decidere l’agenzia di sicurezza. Lo scopo è che nei centri lavorino delle persone irreprensibili. L’email di Bernasconi, che può lasciare adito a malintesi, è stata, ripeto, un’ingenuità".
spianca@caffe.ch
29.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe