Il presiddente catalano Puigdemont si ribella a Madrid
Immagini articolo
"Faremo resistenza
ma sarà democratica"


Dopo il voto che ha sancito l’indipendenza della Catalogna, a Girona, roccaforte autonomista, dal palazzo municipale è stata tolta la bandiera spagnola e da allora continua a ondeggiare soltanto la "senyera" della neonata Repubblica catalana. E proprio da Girona, e con accanto la bandiera catalana ieri, il presidente (destituito insieme al suo governo) Carles Puigdemont, che domani, lunedì, rischia seriamente l’arresto per sedizione e ribellione, ha lanciato l’ennesimo messaggio di sfida a Madrid respingendo qualsiasi diktat. Lo ha fatto con un breve intervento sull’emittente regionale Tv3.  "In una società democratica - ha detto - sono i Parlamenti a scegliere i governi". E venerdì per Puigdemont "abbiamo vissuto una giornata storica. Ora la nostra volontà è continuare a lavorare per costruire un Paese libero. E il modo migliore di reagire per difendere le conquiste è una opposizione democratica all’articolo 155", cioè quello che ha sospeso l’autonomia e congelato i poteri del governo catalano. Puigdemont ha poi lanciato alla popolazione un appello alla calma: "Dobbiamo preservarci da repressione e minacce. Non vogliamo la ragione della forza".
Intanto Puigdemont non ha ancora convocato le elezioni per arrivare all’Assemblea costituente, come molti osservatori ipotizzavano. E mentre la Catalogna si organizza dopo lo strappo, Madrid tira dritta per la sua strada. Il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, ha affidato alla vicepremier, Soraya Saenz de Santamaria, le funzioni e le competenze di presidente della Generalitat catalana dopo la destituzione di Puigdemont. La nomina è stata pubblicata ieri, sabato, sulla Gazzetta ufficiale (il Boletin Oficial del Estado). Il governo nazionale spagnolo ha poi destituito ufficialmente anche il capo dei Mossos d’Esquadra, la polizia catalana, il maggiore Josep Luis Trapero, che è stato sostituito dal suo vice, il commissario Ferran Lopez. Trapero è accusato di "sedizione". Insieme a lui sono indagati per lo stesso reato i presidenti delle due principali organizzazioni indipendentiste, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, arrestati il 16 ottobre. Ma Trapero non è l’unico a essere sostituito. Anche 150 alti funzionari dell’amministrazione catalana non hanno più potere di firma, il loro ruolo è stato azzerato da Madrid.
Nel frattempo continuano a rincorrersi le voci su un possibile arresto del presidente Carles Puigdemont. Il ministero pubblico spagnolo ha aperto una inchiesta e secondo indiscrezioni pubblicate dal quotidiano catalano "Ara" domani, lunedì, la polizia potrebbe presentarsi a casa di Puigdemont e dei ministri  per dar seguito alla denuncia davanti al Tribunale supremo spagnolo per sedizione e ribellione. Se così fosse la situazione sarebbe ad altissimo rischio. I movimenti indipendentisti secondo radio e tv si stanno preparando a manifestazioni di piazza e interpreterebbero l’arresto di Puigdemont come una dichiarazione di guerra.
In tanti in queste ore stanno predicando la calma. Ma ormai la miccia è accesa. Molti esperti di questioni catalane, peraltro, hanno fatto notare che un eventuale arresto potrebbe spingere tanti, come è accaduto con le immagini dei poliziotti che picchiavano i manifestanti a Barcellona, a schierarsi con il fronte indipendentista spostando l’ago della bilancia in caso di elezioni anticipate. E a quel punto sarebbe davvero difficile per Madrid controllare la situazione.
29.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe