Cresce la sicurezza a Como, Varese e Verbano
Immagini articolo
Al di là della frontiera
in calo furti e rapine
MAURO SPIGNESI


Calano, in alcune realtà, anche parecchio. In tutta la cintura italiana di frontiera i reati diminuiscono sensibilmente, attorno all’11%. Segnano esattamente meno 8 per cento a Como e Varese, segnano - nei dati forniti dal dipartimento per la Pubblica sicurezza del ministero dell’Interno italiano per il 2016 - addirittura meno 17 per cento nel Verbano Cusio Ossola. Meno rapine, meno furti, soprattutto. E più sicurezza. E allora perché si continua a chiedere a gran voce la chiusura dei valichi e un numero maggiore (30 circa) di guardie di confine, come ha ribadito anche recentemente la commissione della politica di sicurezza del Nazionale? "Perché non sempre la percezione di sicurezza viene avvertita subito e se esiste una crisi finanziaria, le paure aumentano", spiega Marco Dugato, criminologo, docente di Statistica della criminalità all’Università Cattolica di Milano e ricercatore dell’osservatorio internazionale Transcrime.
Analizzando sempre i dati pubblicati in Italia emerge un "generale arretramento di quasi tutte le tipologie di illeciti come scippi borseggi ed effrazioni". Appunto, tradotto dal linguaggio burocratico vuol dire che c’è un calo generale, che gli analisti calcolano in un meno 7,4% su base annua. Cosa significa? "Vuol dire - spiega Dugato - che negli anni successivi alla crisi economica del 2008 alcuni reati come furti e rapine, appunto, erano lievemente cresciuti. C’erano state fiammate post crisi, che poi abbiamo notato che negli ultimi cinque anni, invece, sono progressivamente rientrate nel trend generale di lungo periodo, riferito all’arco degli ultimi vent’anni, e che parla di una complessiva e diminuzione dei reati".
Il problema è comunque capire se meno criminalità nelle zone di frontiera vuol dire anche meno criminalità in Ticino dove  l’anno scorso ci sono state 61 rapine contro le 51 del 2015, ma sono calate le rapine alle stazioni di servizio, quelle preferite dai criminali che arrivano appunto dalle province italiane e poi fuggono attraverso i valichi, passando da 13 a 8.
Un trend, quest’ultimo, che rientra in quello generale che si registra in tutta Europa proprio lungo le linee di confine, dove appunto sono particolarmente attivi i pendolari della criminalità. È una tendenza generale data in particolare da tutte quelle misure scattate con l’accordo di Schengen servite per fare prevenzione. Tanto è vero che complessivamente i reati sono calati del 5 per cento e nel solo periodo che va dal 2007 al 2012 ci sono stati un milione e 200 mila reati in meno. Un processo che l’anno scorso ha riguardato le province di Como, Varese e del Verbano, dove vivono - va ricordato - oltre 1 milione e 600 mila abitanti. Nella prima i reati complessivi sono stati oltre 17mila, nella seconda più di 29mila e nella terza, dove il fenomeno di diminuzione delle attività illecite risulta più marcato, appena 4.211. Sempre nel Verbano i furti sono stati 1.365 e le rapine poco più di una decina.
"Non so se questi dati possano portare, e in che modo, a una minore pressione della criminalità in Ticino - spiega ancora Dugato - ma certo i fenomeni di pendolarismo della criminalità sono minoritari, noi almeno studiando i dati e le dinamiche non osserviamo un movimento strutturato. Anche perché si può osservare banalmente che è più facile per un rapinatore italiano andare a fare un colpo in Francia o in Germania che non in Svizzera dove deve passare una frontiera e dove può incappare nei controlli di polizia".
m.spi.
05.11.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe