A rischio le semine di grano e orzo, agricoltori in allarme
Tre centimetri al giorno
di calo per il Verbano
MAURO SPIGNESI


I contadini hanno scrutato a lungo il cielo in attesa di un po’ d’acqua piovana. Lunghe settimane di un ottobre tra i cinque più secchi da quando esistono le misurazioni. E anche il Verbano non registrava questi livelli dall’autunno del 2007, effetto devastante della siccità prolungata. Il livello del lago che bagna Italia e Ticino, cala progressivamente al ritmo di tre centimetri al giorno. "Una anomalia che conferma la tendenza ai cambiamenti climatici con impatti sulla natura e in prospettiva sulla vita quotidiana", ha fatto notare la Coldiretti, l’associazione nazionale italiana che raggruppa gli agricoltori, che già contano i danni e chiedono misure di risparmio.
Ieri, sabato, il livello del lago Maggiore nella stazione di Locarno era di 192.41 metri sul livello del mare (a 194.5 scatta il primo livello di allarme). Manca l’acqua. Soprattutto a settembre e ottobre, quando tradizionalmente scende la pioggia, e il bacino si riempie. Quest’anno è andata diversamente. Già quest’estate c’è stato un calo nella produzione di frutta, e l’uva ha segnato una produzione del meno venti per cento, come ha fatto notare la Coldiretti di Novara. La siccità, inoltre, sta mettendo a rischio le semine, in particolare di grano e di orzo.
Gli effetti della siccità si notano un po’ dappertutto. Lungo le sponde affiorano strisce di sabbia che abitualmente sono invece sott’acqua. Il fiume Toce, ad esempio, che dall’Ossola riversa nel lago Maggiore le acque delle Alpi e che ha sempre garantito un abbondante afflusso, in certi punti - ha fatto osservare un servizio del quotidiano La Stampa - assomiglia a una pietraia. Dal primo di gennaio, secondo i calcoli dell’Unità di ricerca di climatologia e meteorologia, sono mancati all’appello 1.254 milioni di metri cubi d’acqua rispetto all’anno passato. Rispetto all’ottobre scorso, invece, i milioni di metri cubi in meno sono invece 103 milioni (meno 54 per cento di pioggia). Una situazione, come detto, che preoccupa fortemente. E che ha fatto scattare i primi provvedimenti, come la soglia di 380 quintali per i mezzi pesanti da imbarcare sui traghetti.  
Il Ceresio, invece, sempre ieri, sabato, registrava un livello di 270,17 metri (a 271.00 scatta il primo grado di pericolo, che arriva al quarto a 271.80) sul livello del mare calcolato nella stazione di rilevamento di Melide.

m.sp.
05.11.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin