Le spese per le cure a domicilio quasi raddoppiate
'Non c'è soluzione...
gli anziani costano"
PATRIZIA GUENZI


Non c’è soluzione, la popolazione è vecchia e le esigenze crescono. Soprattutto in Ticino, che ha una quota di anziani più alta rispetto ad altre realtà elvetiche. Il peso degli ultra 64enni è notevole, per non parlare degli ottantenni, anch’essi superiori alla media nazionale". Una constatazione indiscutibile quella di Bruno Cereghetti, esperto di politiche sanitarie. Le classiche due facce della stessa medaglia: una positiva, il costante allungamento della speranza di vita, l’altra più preoccupante data dalla difficoltà di riuscire a far fronte a lungo ai costi di questa longevità.
Anche Cereghetti, come il professor Felder (vedi qui accanto), mette l’accento sul finanziamento dei costi per la salute, soprattutto quelli per la terza età. "L’anzianità non è una malattia, lo sostengo da tempo - riprende l’esperto -, quindi è giusto finanziare la spesa attraverso il premio della cassa malati? Non penso, perché così facendo si va a gravare tutti gli assicurati, confrontati con continui aumenti di premio. Meglio sarebbe, a mio avviso, finanziare i costi per la salute degli over attraverso le imposte. Ma capisco bene che i cantoni, chiamati alla cassa, a quel punto potrebbero magari decidere di aumentare le tasse. Così da zavorrare ulteriormente le tasche dei cittadini della classe media".
Insomma, difficile uscirne. La spirale dei costi sanitari generati dalla terza e dalla quarta età non accenna ad interrompersi. "Si potrebbe pure discutere sull’opportunità di alcuni finanziamenti decisa dai cantoni e dalla Confederzaione - riprende critico Cereghetti -. Ma questo è un discorso che ci porterebbe molto lontano. Recenti sono infatti le polemiche nate attorno alla decisione del governo federale di finanziare la candidatura di Sion a ospitare i Giochi olimpici invernali 2026". In sostanza, otto milioni di franchi stanziati per la campagna necessaria all’ottenimento della manifestazione. E, in caso di successo, è già stato garantito un altro finanziamento di un miliardo di franchi svizzeri per l’effettiva realizzazione dell’evento.
Milioni, miliardi... Cifre a sei e a otto zeri, che riguardano pure la spesa per la salute in Svizzera, che ha ormai raggiunto gli 80 miliardi di franchi l’anno. "Diventiamo sempre più vecchi e, ovviamente, viviamo sempre più a lungo pur con qualche patologia, e ciò è merito di prestazioni sempre più performanti - sottolinea Cereghetti -. Non possiamo pensare di vivere a lungo senza avere bisogno di cure. Gli acciacchi dell’età prima o poi si fanno sentire". E, inevitabilmente, vanno a gonfiare la fattura per la spesa sanitaria totale. E va a ripercuotersi sugli stessi premi mensili di cassa malati il cui sistema non si basa sulla capitalizzazione, ma sulla ripartizione delle spese: quello che entra l’anno prima esce l’anno successivo. E visto che l’adeguamento dei premi è in base al bisogno, i cittadini ogni anno sono destinati a pagare di più.
19.11.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento