Contro la violenza gli avvocati chiedono dati condivisi
Immagini articolo
'Troppi reati in famiglia,
manca coordinamento'
MAURO SPIGNESI


L’ultimo caso riguarda un uomo con due matrimoni alle spalle e una terza compagna. Dopo le prime nozze viene condannato per vie di fatto e minacce. Nelle seconde è nuovamente protagonista di casi di violenza familiare. E arriva un’altra condanna. L’uomo ha due figli e quando la sua vicenda finisce davanti all’Autorità di protezione, per decidere che rapporti deve avere con i suoi ragazzi, si scopre che l’ufficio è all’oscuro delle vicende legali. "E questo perché le diverse autorità penali e civili che si occupano di questo genere di reato spesso non si parlano. Non c’è un reale scambio di informazioni che - spiega Gianluca Padlina, vice presidente dell’Ordine degli avvocati - eviterebbe problemi di recidiva. Un fenomeno, questo, che mi pare sia piuttosto diffuso e che va affrontato con una decisione".
Contro la violenza domestica si è fatto e si sta facendo parecchio. A ottobre il Parlamento ha dato via libera alla modifica di legge consentendo l’allontanamento delle persone che picchiano o minacciano i familiari. Ora un ufficiale di polizia può decidere di mandarle via da casa, senza dovere chiedere poi al pretore (al quale si può fare ricorso) di confermare il provvedimento. Ed è al lavoro una commissione per rivedere l’intera ossatura della norma, naturalmente tenendo conto dei limiti legati alle competenze giuridiche cantonali in materia.
"Però, proprio per evitare la recidiva - spiega l’avvocato Michela Delcò Petralli - servirebbe una banca dati condivisa". Naturalmente con un preciso regolarmento sull’accesso ai dati conservati. "Resta tuttavia aperto il problema - aggiunge Delcò - dello scambio di informazioni tra autorità. Che tuttavia, mi rendo conto, pone un problema di segreto professionale e di tutela della privacy, obblighi che il legislatore ha introdotto nelle leggi proprio per offrire garanzie certe alle vittime". Ad esempio le diverse autorità cantonali di assistenza che si occupano delle donne (o dei pochi uomini) che hanno subito maltrattamenti o minacce, sono vincolate al segreto professionale.  "La raccolta e la trasmissione dei dati si potrà fare - spiega Marilena Fontaine, presidente del Gruppo di accompagnamento contro la violenza domestica - all’interno di una legge specifica cantonale. Ma serve una precisa e chiara base giuridica".
"È davvero complicato - spiega l’avvocato Nora Jardini Croci Torti, attiva nell’ambito del diritto del lavoro e della legge sulla parità dei sessi - conciliare le leggi sui diritti fondamentali della persona, come appunto la privacy, e le giuste esigenze di incidere di più contro la violenza familiare".
Possibile non si possa trovare una soluzione? "La privacy - aggiunge l’avvocato Padlina - è un problema vero. Ma si può superare. Quando si deve concedere un permesso a uno straniero nel suo dossier finiscono le notizie di polizia, degli uffici del fisco, del Comune e quelle della magistratura. Si cercano dati addirittura all’estero. Come mai lo stesso lavoro non si può fare per questi casi?".
In mancanza di informazioni i recidivi riescono a farla franca. "Anche perché, lo vedo dalla mia esperienza professionale, tante donne ci cascano. Perché all’inizio dei rapporti - spiega Michela Delcò - gli uomini sono gentili e premurosi. Poi, dopo il primo episodio di violenza, chiedono scusa. E arrivano a casa con un mazzo di fiori. Ma è solo il preludio ai guai. Guai veri".

mspignesi@caffe.ch
26.11.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia