Il caso dell'azienda ticinese finito in un "non luogo"
I federali nella raffineria
cercando l'oro africano
FEDERICO FRANCHINI


Quel giorno di novembre del 2013 la notizia aveva fatto il giro del mondo. La procura federale aveva confermato l’apertura di un procedimento penale nei confronti di una raffineria ticinese. I potenziali capi d’accusa erano pesanti: riciclaggio di denaro e complicità in crimini di guerra. La società era sospettata di non aver rispettato l’embargo delle Nazioni Unite sul commercio delle materie prime provenienti dalla Repubblica democratica del Congo. La causa: tre tonnellate d’oro provenienti da una zona dove era in corso uno dei conflitti armati più sanguinosi degli ultimi decenni, la guerra in Congo, dove combattenti si erano impossessati delle concessioni di oro per arricchirsi e acquistare armi.
Alla testa della Ccv, Laurence Boillat è incaricata dell’affare e ordina una perquisizione nei locali della raffineria. Qui vengono sequestrati dei documenti e del materiale informatico. Il dossier, battezzato Aurum dai procuratori federali, è ultra sensibile. E a buona ragione: concerne una delle più importanti società al mondo del settore, un’azienda nel cui Cda siede l’ex consigliere federale Adolf Ogi. La vicenda si conclude nel marzo del 2015: un non luogo a procedere del Mpc scagiona la società la quale in un comunicato "accoglie favorevolmente la sentenza". Nel decreto di non luogo a procedere si legge che non è possibile determinare che l’azienda sapeva che stava raffinando dell’oro di provenienza illegale. La raffineria avrebbe tuttavia potuto sapere che l’oro proveniva, con grande probabilità, dal Congo e che la vendita del metallo poteva servire al finanziamento del conflitto. Il decreto data il 10 marzo 2015. Due giorni dopo Adolf Ogi lascerà il Cda della società. Un caso? L’ex ministro dichiarerà che la scelta era prevista da tempo. Una decisione, quella della procura federale, che è stata criticata da alcune personalità. Mark Pieth, professore di diritto penale, ed esperto di corruzione e riciclaggio, dichiara al Caffé che "la chiusura di questo affare è politica e tende a proteggere gli interessi economici".
Il procuratore che ha firmato il decreto di non luogo non è Laurence Boillat. Quest’ultima è stata prima allontanata dal Ccv e poi dal Mpc. Per i suoi superiori la procuratrice "manca a volte di visione nella definizione di strategia nelle sue inchieste". Il riferimento è alle vicende Khaled Nezzar e Aurum. Quando, nel 2015, il suo mandato non le verrà rinnovato, Michael Lauber le rinfaccerà proprio la maniera con la quale ha gestito l’affare legato alla raffineria ticinese.
In particolare di aver deciso di aprire un’inchiesta senza sottomettere il caso allo Stato maggiore operativo del procuratore generale e di aver ordinato una perquisizione "quasi si trattasse di un furto con scasso che necessitava di conservare con urgenza i mezzi di prova". Perquisizione che era però stata considerata legittima da una sentenza del Tribunale penale federale del gennaio 2014.
03.12.2017


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento