La proposdta di accordo per risolvere il mega crac Aston
"Se rinuncia a 1 milione
la faccenda si chiude"
LILLO ALAIMO E STEFANO PIANCA


Come raccontò il 21 marzo 2016 alla caserma dei carabinieri di Tremezzina, verbalizzato dal maresciallo Lo Giudice (vedi l’articolo qui sopra), il trader Roberto Rivera aveva avuto una strana sensazione. Era accaduto pochi giorni prima, mentre il finanziere, implicato nel fallimento nel 2009 della Aston Bank, stava parlando al telefono con il suo avvocato ticinese, allora era Marco Bertoli. La frase che il legale gli disse e che lui riportò sul verbale di denuncia ai carabinieri è esattamente questa: "Se lasci da parte un milione di euro degli otto che ci sono (ndr, sul conto bloccato dal dicembre 2008), io so per certo che la faccenda si chiude qui". Questa la frase dell’avvocato Bertoli registrata da Rivera, il quale comunque nella sua denuncia in Italia precisa: "La mia risposta è stata naturalmente perentoria, sia sul negare qualunque patteggiamento potenziale per reati che non ho commesso, sia per dazioni ‘a qualunque altro titolo’. Su questo punto il mio interlocutore (ndr, l’avvocato Bertoli) ha insistito, invitandomi a riflettere e a rispondergli il giorno dopo o quello successivo ".
Tra le sue registrazioni, anche una frase detta  nel corso di un interrogatorio dal procuratore Gianini, era il 7 novembre 2016, ad un precedente avvocato di Rivera, Massimo Riccardi: "Lui (Rivera) deve venire qua a dire ‘io qualcosa lascio’ (…) e questo permetterà a me, al di là della morale di quello che dice, di giustificare una assoluzione. Quando ci sono i soldi di mezzo trovi l’accordo dappertutto".
Nei giorni scorsi l’avvocato Bertoli e il procuratore Gianini, dopo la pubblicazione di un articolo sul Corriere della Sera sulle due frasi citate prima, hanno spiegato che in quei colloqui non si stava facendo altro che tentare di giungere ad un accordo. Un accordo tra il trader Rivera con il curatore fallimentare della banca, Luca Guidicelli. Un’intesa alla luce dell’articolo 53 del Codice penale: "Se l’autore ha risarcito il danno… l’autorità competente prescinde dal procedimento penale". E siccome, a detta della procura, parte del denaro sul conto di Rivera è provento di operazioni finanziarie all’origine illecite, parte di quei soldi vanno restituiti.
Ma questa, si domanda Rivera, "è una vicenda da chiudere come un incidente stradale?! Quest’articolo può essere applicato ad un caso così complesso?! Tanto più che io non ho commesso alcun reato. La procura dopo 9 anni non è stata capace di provare il contrario… perché mai dovrei pagare, come mi è stato chiesto, prima quattro, poi tre, poi due milioni…. Non intendo versare nemmeno un franco e rivoglio il mio conto". Conto su cui nove anni fa c’erano più o milioni 3 milioni di franchi. Oggi circa 8. Come mai? Perché Rivera fu autorizzato, attraverso una fiduciaria italiana, di movimentare quel denaro. Tutto sotto gli occhi della magistratura. "Questo basti a dimostrare a chi mi accusa che è possibile guadagnare in modo assolutamente lecito. Ed è ciò che è avvenuto anche con quei milioni bloccati nove anni fa".
10.12.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata