Il finanziere del crac Aston consegnò al ministro dei files
Immagini articolo
Due incontri con Gobbi
e le registrazioni audio
LILLO ALAIMO E STEFANO PIANCA


Una volta nel giugno di due anni fa, una seconda -  racconta lui - nell’aprile dell’anno scorso. Ad aprile, quando esasperato dalla lunga attesa e sempre accompagnato dall’amico  che aveva favorito il contatto, il traider Roberto Rivera consegnò al consigliere di Stato Norman Gobbi, alla testa della Giustizia, della documentazione importante. Ma non fu l’ultimo contatto perché, poco più di un mese fa, il 7 novembre, cioè una settimana dopo aver ricevuto la decisione a lui favorevole della Camera dei reclami penali (Crp) - che gli dà ragione sull’attesa ormai decennale del processo - il trader scrive un’email a Gobbi. Gli dice di essere disposto a rinunciare "in maniera tombale a qualunque richiesta di risarcimento danno qualora si riuscisse a mettere fine a tutto questo entro dicembre 2017". Rivera non lo scrive chiaramente nell’email, ma fa intendere che la sua speranza - specialmente alla luce della recente sentenza della Crp - è che dalla procura, o si provino i reati ipotizzati o si arrivi ad un decreto di abbandono del procedimento.
Il giorno successivo, l’8 novembre, Gobbi risponde in modo impeccabile rispetto alla sua carica politica: "Il principio della separazione dei poteri mi impone dei limiti nell’intervento sull’attività giudiziaria della magistratura, magistratura che sarà chiamata a rispondere in caso di danni cagionati illecitamente a terzi. Sulle tempistiche di esecuzione degli accertamenti del Ministero pubblico, non posso interferire. Ho certo espresso, come già fatto in passato le mie preoccupazioni, proprio al fine di evitare risarcimenti importanti".
Ma cosa accadde dopo il primo incontro, quello del giugno 2015, tra Gobbi e il trader Rivera? Ufficialmente e apparentemente nulla. Anche se a quel colloquio seguirono lettere su lettere di Rivera a cariche istituzionali e politiche. E in effetti il 24 ottobre 2016, nel corso di un verbale d’interrogatorio del traider davanti al procuratore Andrea Gianini, il magistrato in una pausa si era come sfogato con Rivera. Il procuratore, si legge in una trascrizione, dopo aver precisato di non avere né ostinazione né acrimonia verso il traider, aggiungeva: "Voglio dire una piccola cosa. Dispiace quando ci sono delle persone che non sanno qual è la fattispecie... poi vengono e mi dicono ‘cosa stai facendo?’. Qui hanno mosso… Sono stato accusato d’essere un pazzo, di avere problemi con la gente che c’ha i soldi. Arrivano politici di tutti i colori. Voglio dire, calmiamoci un attimo… Non so se lei sa cos’è successo?". Ma a questo punto Rivera tronca la discussione con un... "non è oggetto dell’interrogatorio".
Da quel che si intuisce dallo sfogo del procuratore Gianini, qualcuno dal Palazzo della politica o dai vertici della magistratura forse è intervenuto su di lui. Quantomeno solo per chiedergli conto.
10.12.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue