Novità sul caso del Tamil ucciso dalla polizia a Brissago
Immagini articolo
Deviata dall'inferriata
la pallottola mortale
MAURO SPIGNESI


Uno, due colpi in rapida successione. Il terzo, forse quello mortale, sarebbe stato sparato attraverso una ringhiera. E il proiettile, toccando una sbarra, avrebbe deviato la traiettoria, andando a colpire all’altezza del petto il tamil di 38 anni rimasto ucciso in una palazzina di Brissago. C’è un nuovo dettaglio che va ad aggiungersi agli altri emersi in questi mesi su quanto accaduto nella notte  fra il 6 e il 7 ottobre scorso, quando un agente di 28 anni, e da 5 nella polizia cantonale, sparò a un richiedente l’asilo. Il migrante era ubriaco, sbraitava, e con due coltelli stava minacciando due connazionali con i quali aveva litigato in precedenza. I due stavano accompagnando la pattuglia lungo le scale della palazzina dietro la piazza di Brissago.
Per ora, c’è da precisare, non è ancora arrivata al procuratore Moreno Capella che coordina l’inchiesta, la perizia della polizia "scientifica" di Zurigo, chiamata ad effettuare gli accertamenti. Ma dalle analisi, dai primi rilievi medico-legali e dagli interrogatori effettuati in questi mesi, è stato possibile ricostruire la scena del "crimine".
Sul corpo di Karan, si chiamava così il tamil morto, sono stati ritrovati tre fori. Il segno dei proiettili esplosi dalla pistola d’ordinanza del poliziotto, che si trovava sulle scale che portano al monolocale al primo piano dove alloggiava il richiedente l’asilo. Due pallottole lo hanno colpito al fianco destro e al rene. L’ultima, quella mortale, ha toccato una sbarra della ringhiera alta una settantina di centimetri, è stata deviata ed ha raggiunto il torace.
Intanto, la moglie della vittima Vijitha, 36 anni, le figlie Tharsikaa, 20, e Tharsini, 16, dopo essere arrivate in Ticino con un visto d’entrata a durata limitata per il funerale, e dopo aver chiesto ufficialmente asilo politico, si trovano ancora a Basilea. Qui sono arrivate, contando evidentemente sull’appoggio di alcuni connazionali e di alcune associazioni umanitarie che le hanno aiutate a presentare la domanda d’asilo, come era stato confermato a fine ottobre dall’ambasciata svizzera nello Sri Lanka. Non si sa più nulla, invece, di Mathanakumar, 32 anni, il fratello di Karan che aveva seguito la cognata in Svizzera ma che poi aveva fatto perdere le sue tracce.
10.12.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni