Perché dico sì alla legge e all'Albo degli artigiani
"Con regole condivise
si cancellano gli abusi"
PAOLO LOCATELLI, SINDACALISTA "COMMISSIONE LIA"


La legge sulle imprese artigianali (Lia) e il suo albo sono uno strumento votato dal Gran consiglio praticamente all’unanimità con nobili scopi: porre un argine alla concorrenza sleale nel mercato da ovunque arrivi, favorire la qualità dei lavori delle imprese e migliorare la sicurezza dei lavoratori. In questi anni sono venute a galla irregolarità e abusi, di imprese che arrecavano un danno notevole all’intera comunità, visto che si sono perdute cifre d’affari importanti e versamenti di imposte e oneri e sociali. &softReturn;Detto questo, non nascondo che l’introduzione della legge ha incontrato difficoltà. Si pensava all’inizio ad un universo di ditte artigianali attive in Ticino sulle 2.300-2.500 unità per poi farci sorprendere da 5.300 richieste di iscrizione. Ma gli effetti concreti della Lia sono tutti lì da vedere: oggi sappiamo cosa gira in questo cantone nel settore dell’artigianato (oltre 4.200 imprese locali ed un migliaio di ditte estere), abbiamo contenuto il fiorire di ditte bucalettera, verificato le capacità professionali di diversi impresari e, laddove necessario, sospeso i lavori in diversi cantieri, inflitto le relative multe e, ultimo ma non ultimo, contribuito concretamente al rientro di svariati migliaia di franchi di oneri sociali e contributi vari posteggiati presso gli uffici di fallimento. &softReturn;Ora si ritorna a parlare della Lia dopo una sentenza del Tribunale amministrativo. Si tratta di una sentenza che riguarda una singola ditta e non intacca frontalmente l’impianto della legge. In questa sentenza puntuale, si fa accenno però alla fragilità dell’impianto legale dal punto di vista della proporzionalità e della compatibilità rispetto alla Legge federale sul mercato interno. Elemento di cui si era tutti a conoscenza e che sarà chiarito con la sentenza, immagino imminente, provocata dal ricorso della Comco. Ma non affretterei i giudizi. L’interesse pubblico della legge, fattore che permette di limitare la libertà economica, per me esiste. &softReturn;Il nodo centrale resta comunque di attualità: il Canton Ticino deve avere uno strumento capace davvero di arginare gli abusi nel mondo del lavoro e la concorrenza sleale? Certo.Non si tratta di costruire muri o limitare l’arrivo in Ticino di imprese di altri cantoni o estere. Si tratta di disporre di regole valide. Auspico che si possa trovare una soluzione legale per rafforzare l’impalcatura della Lia. A chi soffia contro, ringalluzziti dalla sentenza del Tram, chiedo solo un atto di coerenza: se proprio volete gettare al macero la legge fatelo pure ma indicate una alternativa. L’immagine caricaturale della celebrazione funebre officiata dal capo Dipartimento leghista della Lia, norma che molti hanno impropriamente chiamato e sostenuta come la clava "anti padroncini esteri", più che un sorriso mi provoca una smorfia.
10.12.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio