Perché dico sì alla legge e all'Albo degli artigiani
"Con regole condivise
si cancellano gli abusi"
PAOLO LOCATELLI, SINDACALISTA "COMMISSIONE LIA"


La legge sulle imprese artigianali (Lia) e il suo albo sono uno strumento votato dal Gran consiglio praticamente all’unanimità con nobili scopi: porre un argine alla concorrenza sleale nel mercato da ovunque arrivi, favorire la qualità dei lavori delle imprese e migliorare la sicurezza dei lavoratori. In questi anni sono venute a galla irregolarità e abusi, di imprese che arrecavano un danno notevole all’intera comunità, visto che si sono perdute cifre d’affari importanti e versamenti di imposte e oneri e sociali. &softReturn;Detto questo, non nascondo che l’introduzione della legge ha incontrato difficoltà. Si pensava all’inizio ad un universo di ditte artigianali attive in Ticino sulle 2.300-2.500 unità per poi farci sorprendere da 5.300 richieste di iscrizione. Ma gli effetti concreti della Lia sono tutti lì da vedere: oggi sappiamo cosa gira in questo cantone nel settore dell’artigianato (oltre 4.200 imprese locali ed un migliaio di ditte estere), abbiamo contenuto il fiorire di ditte bucalettera, verificato le capacità professionali di diversi impresari e, laddove necessario, sospeso i lavori in diversi cantieri, inflitto le relative multe e, ultimo ma non ultimo, contribuito concretamente al rientro di svariati migliaia di franchi di oneri sociali e contributi vari posteggiati presso gli uffici di fallimento. &softReturn;Ora si ritorna a parlare della Lia dopo una sentenza del Tribunale amministrativo. Si tratta di una sentenza che riguarda una singola ditta e non intacca frontalmente l’impianto della legge. In questa sentenza puntuale, si fa accenno però alla fragilità dell’impianto legale dal punto di vista della proporzionalità e della compatibilità rispetto alla Legge federale sul mercato interno. Elemento di cui si era tutti a conoscenza e che sarà chiarito con la sentenza, immagino imminente, provocata dal ricorso della Comco. Ma non affretterei i giudizi. L’interesse pubblico della legge, fattore che permette di limitare la libertà economica, per me esiste. &softReturn;Il nodo centrale resta comunque di attualità: il Canton Ticino deve avere uno strumento capace davvero di arginare gli abusi nel mondo del lavoro e la concorrenza sleale? Certo.Non si tratta di costruire muri o limitare l’arrivo in Ticino di imprese di altri cantoni o estere. Si tratta di disporre di regole valide. Auspico che si possa trovare una soluzione legale per rafforzare l’impalcatura della Lia. A chi soffia contro, ringalluzziti dalla sentenza del Tram, chiedo solo un atto di coerenza: se proprio volete gettare al macero la legge fatelo pure ma indicate una alternativa. L’immagine caricaturale della celebrazione funebre officiata dal capo Dipartimento leghista della Lia, norma che molti hanno impropriamente chiamato e sostenuta come la clava "anti padroncini esteri", più che un sorriso mi provoca una smorfia.
10.12.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata