La protesta dei Grigioni dopo la sentenza sulla "Lia"
"L'Albo degli artigiani
va subito cancellato"
MASSIMO SCHIRA


La cosa più importante dal nostro punto di vista è che la legge sia smantellata - osserva Jürg Michel, direttore dell’Unione grigionese arti e mestieri -. L’aspetto economico è certamente secondario. Le imprese grigionesi affiliate all’albo non sono moltissime, qualche decina in tutto, e non credo che se la normativa dovesse cadere chiederanno dei rimborsi. Ma è una sensazione personale". Quando era stata approvata la legge sull’artigianato dal Gran consiglio ticinese erano arrivate proteste da tutta la Confederazione. Prima ancora che la sentenza del Tram mettesse in crisi l’impianto legale su cui poggia la Lia. E proprio dai Grigioni era arrivata una delle critiche più pungenti:  "Si vuole limitare, magari legittimamente, l’afflusso delle ditte italiane, ma così facendo - aveva spiegato Marco Ettisberger, segretario della Camera di Commercio dei Grigioni - si penalizzano anche quelle svizzere. Un artigiano degli altri cantoni che lavora saltuariamente in Ticino non può permettersi di pagare una tale somma. Così s’innalza una barriera artificiale anche per le ditte svizzere".
Anche dalla Svizzera centrale erano arrivate parole amare. "Tutte le ditte svizzere devono poter lavorare ovunque nella Confederazione - aveva detto al caffè Kurt Zurfluh, della direzione dell’Associazione degli artigiani della Svizzera centrale - senza restrizioni. Vedo un grosso problema per i piccoli artigiani della Svizzera centrale, se volessero lavorare in Ticino. Molti di loro davanti ai 2000 franchi da pagare rinuncerebbero".
"Da tempo - aggiunge oggi Jürg Michel - anche noi lottiamo affinché il Ticino torni sui suoi passi. Intendiamoci: capiamo bene il problema di fondo, capiamo che bisogna combattere la concorrenza sleale, ma non è questo il modo migliore per risolverlo". m.s.
10.12.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio