I consigli dei "consumatori" per i bilanci delle famiglie
Immagini articolo
"Far quadrare i conti?
Ecco alcuni trucchi"
MASSIMO SCHIRA


Vedersi recapitare la busta paga con il classico "salario doppio" di fine anno è sempre un toccasana per le finanze di famiglia. Ma la gestione corretta dello stipendio diviso in 13 mensilità rimane comunque importante. Perché il controllo del budget di casa non è soltanto un esercizio di stile, ma permette - se svolto e rispettato correttamente - di evitare molti problemi. Non da ultimo quello dell’indebitamento eccessivo, ma anche il saper affrontare con serenità eventuali imprevisti. Che sono spesso dietro l’angolo. "Sempre più spesso sentiamo consumatori dire che la tredicesima è ormai diventata il classico salvagente per pagare le fatture arretrate, principalmente le tasse - spiega Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell’Associazione consumatori della svizzera italiana (Acsi) -. Una sorta di emergenza programmata che sarebbe meglio evitare. Controllando meglio le proprie spese".
La consapevolezza nella gestione delle proprie risorse economiche, quindi, è il principale consiglio su cui gli esperti di consumi mettono l’accento quando si parla di conti di casa. "Bisogna sempre sapere dove vanno a finire i soldi - precisa Matteo Cheda, editore di riviste per consumatori come ‘Spendere meglio’ -. Crearsi un proprio bilancio è utilissimo per capire come si sta spendendo il denaro. Anche gli acquisti come quelli ‘stimolati’ a fine anno dalla tredicesima, vanno gestiti con cautela. Ad esempio, se si comprano mobili, un’auto o un computer, bisogna tener conto che questi oggetti hanno una vita di una certa durata. E quindi è necessario inserire nel budget famigliare il loro ammortamento. In modo da evitare di non avere poi i soldi per sostituirli". Acquistare oggetti di una certa importanza, poi, deve essere giustificato da una reale esigenza. "Le spese extra vanno sempre tenute d’occhio - conferma Laura Regazzoni Meli -. Perché se ci si costruisce un budget classico, con le entrate, le uscite fisse e quelle possibili, poi bisogna cercare di rispettarlo durante tutto l’anno, non solo quando arriva la tredicesima. Non deve insomma essere un esercizio fine a sé stesso".
Particolarmente difficile sembra poi diventato lo sforzo per mettere da parte un po’ di denaro. "Si deve imparare a spendere in modo ragionato - afferma ancora Cheda -. Ad esempio togliendo il 5% alla somma disponibile. Se si ha 100, si deve spendere al massimo 95 per affrontare eventuali imprevisti. Se non ci sono imprevisti, meglio, quei soldi sono risparmiati". Un recente studio condotto a livello nazionale, ha infatti mostrato una netta crescita del numero di persone incapaci di affrontare una spesa extra di 2’000 franchi. Un trend che invita certamente alla riflessione. "Anche quando si avvicina il momento di percepire la tredicesima, il pensare al risparmio è quanto mai importante, questo studio lo conferma - conclude Regazzoni Meli -. Gli imprevisti possono davvero spiazzare. Basti pensare al dover affrontare un incidente o dover pagare la classica fattura del dentista, che può essere molto salata. Rispettare il budget che si fissa a tavolino permette di affrontare senza problemi anche queste situazioni".

m.s.
10.12.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni