Gli scenari dopo la scelta di trasferire l'ambasciata Usa
Immagini articolo
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
LUIGI BONANATE


Quello di Gerusalemme, è il problema più complesso e difficile di tutta la storia. In 3.000 anni non ha ancora trovato una soluzione. Dai tempi di re Salomone a oggi i popoli di Israele e di Palestina rivendicano il proprio diritto territoriale e la propria precedenza teologica su questa straordinaria città, oggi attraversata dai venti di violenza dopo che il presidente Donald Trump ha deciso di aprire l’ambasciata Usa scatendo immediate reazioni.
Solo chi vi sia stato lo può capire, come dovette essere per gli autori dell’Antico testamento che, volta a volta, la definirono oggetto del più puro desiderio, ma anche città fedele diventata prostituta (Isaia), sanguinaria (Ezechiele), nonché colmo della gioia (Salmi). Capitale morale delle tre religioni del Libro (Ebraismo, Cristianesimo, Islam) e passata attraverso un’infinità di mani, non possiamo affidarci alla storia per stabilire di chi essa sia: nei dibattiti inter-religiosi ciascuna parte rivendica la sua primogenitura che risalirebbe sempre più all’indietro di ogni altra. Di questo passo, si capisce, non si è mai giunti a una soluzione, né vi si giungerà mai. Accontentiamoci allora di alcuni, minimi, punti di riferimento: lo stato di Israele nasce nel 1948, e da allora i conflitti tra israeliani e palestinesi sono continui. Nel 1967, la svolta: nella Guerra dei sei giorni Israele "occupa" la parte orientale di Gerusalemme, tradizionalmente palestinese.
Altre guerre e altri scontri porteranno alle trattative di Oslo (1993) che parvero chiudere la questione, ma alla prima intifada (la "guerra delle pietre") del 1987 ne segue una seconda alla fine del 2000. Nulla di troppo strano, quindi, se oggi la questione di Gerusalemme-capitale riesplode: l’ha riaccesa la decisione Usa di trasferirvi appunto la sua ambasciata - improvvida e inutile quanto un’altra mai lo sia stata -  proprio nello stesso momento in cui si stanno avviando difficilissime trattative per la pace in Siria. E dunque: esistono soluzioni? Tre sono le possibilità: che Gerusalemme, tanto desiderata, non sia di nessuno ma di tutti, una città internazionalizzata che nessuno Stato possa dichiarare propria capitale; la seconda richiederebbe una guerra risolutiva al termine della quale il vincitore ne farebbe la sua eterna capitale; la terza (la preferita nel mondo diplomatico internazionale e che nessuna delle due parti in lotta invece predilige) propone la formazione di un nuovo Paese sovrano accanto a Israele e l’assegnazione pro-quota di Gerusalemme ai due Stati. La prima delle ipotesi è la più convincente sul piano ideale e la più improbabile sul piano politico; la terza  l’unica realisticamente perseguibile ancorché impervia; quella intermedia sarebbe la più solida  ma nello stesso tempo la più odiosa e sicuramente instabile.
L’aspetto più stupefacente dell’intera questione è che Israele è praticamente circondata soltanto da Paesi nemici, mentre invece è sostenuta e appoggiata dalla maggior parte della comunità politica internazionale. Ma oggi un tassello ha ceduto: per la prima i membri dell’Unione europea hanno sconfessato la dichiarazione di Trump e chiedono nuove trattative. Potrebbe essere la volta buona. l.b.
10.12.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento