Le manovre per la nomina del successore di John Noseda
Immagini articolo
La fronda silenziosa
nella corsa in procura
L.A.


Apparentemente nei corridoi e negli uffici del Ministero pubblico, sia a Lugano sia a Bellinzona, le cose paiono scorrere come sempre. Nuovi casi, inchieste da portare avanti, incartamenti che si ammonticchiano sulle scrivanie come la neve ai bordi delle strade. Apparentemente. I venti procuratori del Ministero pubblico sono al lavoro come sempre, coordinati da un procuratore generale che fra sei mesi lascerà perché ha compiuto 70 anni. L’attesa per la nomina, che spetterà al parlamento, apparentemente sembra non lasciare segni. Ma così in realtà non è. All’interno della procura pubblica, in quegli uffici che un tempo erano detti "sottocenerini" e "sopracenerini", spira una brezza, ma forse è meglio chiamarla vento di polemica.
Detto altrimenti, cresce la fronda anti Perugini. Antonio Perugini è, con Andrea Pagani, sostituto procuratore generale. Magistrato di grande esperienza, fra quelli candidati alla sostituzione del procuratore generale John Noseda. È in magistratura dal 1990 e oggi, si commenta nell’apparente silenzio che regna negli uffici del Ministero pubblico, è di fatto l’unico procuratore, un po’ per ruolo un po’ per assonanza di vedute, ad affiancare Noseda nelle decisioni importanti. Detto diversamente? A dirigere sono soprattutto Noseda e Perugini.
I "plenum" di un tempo - quelli a cui il precedente procuratore generale, Bruno Balestra, aveva abituato la squadra - non si fanno più. Solo un piccolo incontro poco prima della cena di Natale. Null’altro, si "commenta silenziosamente" e con rammarico fra i corridoi del Ministero pubblico.
Plenum per confrontarsi sistematicamente sui casi più particolari e sintomatici di vecchi e nuovi fenomeni. Plenum per discutere possibili nuove politiche giudiziarie, vale a dire quali orientamenti dare alle indagini.   
La gestione del Ministero pubblico così come è stata nell’era Noseda ad alcuni non è piaciuta e non piace. E d’altra parte, adducendo una ragione o l’altra, le dimissioni non sono state poche dal 2010. È così che nelle ultime settimane è cresciuta la fronda. E non solo perché Perugini rappresenterebbe alla testa della procura una sorta di fotocopia della "gestione Noseda" (sebbene all’attuale procuratore tutti riconoscano una grande conoscenza del diritto). Ma anche perché i recenti passi fatti per selezionare i candidati (Moreno Capella, Andrea Pagani ed Emanuele Stauffer oltre a Perugini) non stanno convincendo.
Ma come, si coglie dai "silenziosi commenti" di corridoio, prima si organizzano colloqui di approfondimento per conoscere e tracciare il profilo dei candidati (il cosiddetto "assessment" condotto da una società zurighese, la Zhaw) e poi si dichiara bellamente che quei colloqui, quei risultati (che hanno impegnato non poco i candidati) non verranno presi in considerazione!
Già! Stando alle notizie emerse nelle ultime settimane la commissione di esperti ha fatto sapere, più o meno questa è la sostanza, che non intende prendere in considerazione i risultati (per ora sconosciuti nella loro interezza) di quegli "assessment". Insomma, quella che di fatto era l’unica novità per quest’importante scelta sarebbe già stata messa da parte. A decidere, da sola, la commissione di esperti (che ha già incontrato i singoli candidati) e che comunicherà al parlamento la propria decisione. Alla politica, poi, l’ultima parola. E la decisone già è stata anticipata. Due settimane fa si è fatto trapelare il "preavviso" degli esperti: Antonio Perugini.
Ecco dove e perché nasce la fronda. Un vento di dissenso che all’interno del Ministero pubblico raccoglierebbe la metà o poco meno della squadra di procuratori. E il loro dissenso, come detto, ha sostanzialmente due ragioni: l’attuale gestione non sufficientemente condivisa nella scelta della politica di indagine che sarebbe propria anche di Perugini; la decisione della commissione di esperti di non prendere in considerazione i risultati dell’assessment.
L’aria di fronda è poi alimentata anche da ragioni legate al profilo di Antonio Perugini. Sessantatré anni, quindi un orizzonte professionale massimo di sette anni nel caso fra due anni si ricandidasse. Una insufficiente esperienza, così alcuni commentano, nel campo dei reati finanziari. Non ha mai fatto parte del gruppo a cui sono affidate queste  inchieste, sempre più complesse.
Dalla sua Perugini ha un’indubbia esperienza sul campo. Su tutti i campi. Ed anche quanti oggi storcono il naso per questa sua ventilata, possibile nomina lo sanno e glielo riconoscono ampiamente. Naturalmente pronti a collaborare pienamente qualora la commissione di esperti dovesse veramente decidere di non prendere in considerazione tutti, ma proprio tutti i criteri di analisi stabiliti e raccolti.

l.a.
17.12.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta