Il teologo de Petris sul calo dei fedeli nelle parrocchie
"I preti hanno smesso
di assicurare risposte"
PATRIZIA GUENZI


Una protesta silenziosa. Così definisce Paolo de Petris, docente di teologia ed etica politica, la disaffezione sempre più marcata verso la Chiesa. "In sostanza, è un energico richiamo alla Chiesa, che deve tornare ad esplicare, nelle sue espressioni, un compito fondamentale - spiega il teologo -:  dare un senso all’esistenza, nostra e altrui, indicando, spiegando e motivando la centralità di Dio".
È un dato di fatto, nelle fedi storiche, dalla cattolica romana alla riformata, dalla luterana all’anglicana, per tutte è in atto un dissanguamento. "Lento ma concreto - precisa de Petris -. Per cui cala sì la frequenza dei fedeli, ma anche il numero dei membri della Chiesa". In sostanza, i sacerdoti, non tutti ovviamente, sembrano aver perso peso e importanza nella comunità, faticano quindi sempre più a calamitare l’attenzione dei parrocchiani. "La gente, da un sacerdote si aspetta di sentire qualcosa di diverso, un messaggio che riguarda il senso dell’esistenza, i tanti perché della vita - riprende il teologo -. Invece, il più delle volte non trova risposte, perché non ci sono. E alla fine si stufa e non va più a sentir messa. Se la predica è povera, troppo semplicistica, se non sa smuovere le coscienze e gli animi della gente... tanto vale, non serve a nulla. E il risultato si vede, i banchi si svuotano sempre più".
Compito fondamentale del cristianesimo, in tutte quante le sue espressioni, è quello di riuscire a salvaguardare la dimensione del sacro. Che è ciò di cui le persone sentono la necessità. "Le parrocchie non hanno bisogno di fare attività sociali ludiche e di intrattenimento per attrarre fedeli - osserva de Petris -. Non è questo il loro ruolo, già lo fanno altri e lo fanno meglio. Ma, soprattutto, non è così che si attraggono le persone credenti. Ripeto, la Chiesa deve tornare ad affermare l’esistenza di Dio".
Questa disaffezione, seppur lenta, non è certo una novità. Il tema è discusso ormai da anni. Inutile anche dire che un tempo non era così. "Inutile perché non è assolutamente vero - replica de Petris -. Non sono per niente un laudatore del tempo passato, in questo caso più che mai. Non è vero che venti-trenta-quarant’anni fa c’era più fede. C’era, invece, una Chiesa che esplicava il suo compito fondamentale. C’era, da parte dei sacerdoti, un maggior riferimento ai grandi misteri dell’esistenza. Oggi assistiamo a sermoncini, spesso di basso livello, per cui molte persone giudicano tempo perso quell’ora trascorsa ad ascoltare un prete che predica dall’altare".

p.g.
17.12.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Aeroporti e piste da sci
che "succhiano" soldi
L'INCHIESTA

La nuova vita delle auto
tra l'Africa e i Balcani
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonell

Oltre mezzo milione
in abiti, scarpe e viaggi
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ci salverà solamente
un modello sostenibile
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kashoggi:
Erdogan "Faremo
luce su quanto
accaduto"

Brexit:
oltre 500'000
a Londra
per 2° referendum