function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Il teologo de Petris sul calo dei fedeli nelle parrocchie
"I preti hanno smesso
di assicurare risposte"
PATRIZIA GUENZI


Una protesta silenziosa. Così definisce Paolo de Petris, docente di teologia ed etica politica, la disaffezione sempre più marcata verso la Chiesa. "In sostanza, è un energico richiamo alla Chiesa, che deve tornare ad esplicare, nelle sue espressioni, un compito fondamentale - spiega il teologo -:  dare un senso all’esistenza, nostra e altrui, indicando, spiegando e motivando la centralità di Dio".
È un dato di fatto, nelle fedi storiche, dalla cattolica romana alla riformata, dalla luterana all’anglicana, per tutte è in atto un dissanguamento. "Lento ma concreto - precisa de Petris -. Per cui cala sì la frequenza dei fedeli, ma anche il numero dei membri della Chiesa". In sostanza, i sacerdoti, non tutti ovviamente, sembrano aver perso peso e importanza nella comunità, faticano quindi sempre più a calamitare l’attenzione dei parrocchiani. "La gente, da un sacerdote si aspetta di sentire qualcosa di diverso, un messaggio che riguarda il senso dell’esistenza, i tanti perché della vita - riprende il teologo -. Invece, il più delle volte non trova risposte, perché non ci sono. E alla fine si stufa e non va più a sentir messa. Se la predica è povera, troppo semplicistica, se non sa smuovere le coscienze e gli animi della gente... tanto vale, non serve a nulla. E il risultato si vede, i banchi si svuotano sempre più".
Compito fondamentale del cristianesimo, in tutte quante le sue espressioni, è quello di riuscire a salvaguardare la dimensione del sacro. Che è ciò di cui le persone sentono la necessità. "Le parrocchie non hanno bisogno di fare attività sociali ludiche e di intrattenimento per attrarre fedeli - osserva de Petris -. Non è questo il loro ruolo, già lo fanno altri e lo fanno meglio. Ma, soprattutto, non è così che si attraggono le persone credenti. Ripeto, la Chiesa deve tornare ad affermare l’esistenza di Dio".
Questa disaffezione, seppur lenta, non è certo una novità. Il tema è discusso ormai da anni. Inutile anche dire che un tempo non era così. "Inutile perché non è assolutamente vero - replica de Petris -. Non sono per niente un laudatore del tempo passato, in questo caso più che mai. Non è vero che venti-trenta-quarant’anni fa c’era più fede. C’era, invece, una Chiesa che esplicava il suo compito fondamentale. C’era, da parte dei sacerdoti, un maggior riferimento ai grandi misteri dell’esistenza. Oggi assistiamo a sermoncini, spesso di basso livello, per cui molte persone giudicano tempo perso quell’ora trascorsa ad ascoltare un prete che predica dall’altare".

p.g.
17.12.2017


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00