Ritardi nel cantiere russo che ospiterà i Mondiali
Lo stadio di Samara
è ancora un miraggio
MARIA MICHELA D'ALESSANDRO DA MOSCA


Ulitsa Arena 2018", si legge su uno dei grandi cartelli fuori lo stadio di Samara. La via è quella giusta, se non fosse per il grande cantiere a cielo aperto dell’area che abbraccia uno dei 12 stadi di Russia 2018. Samara, poco più di 1.000 chilometri ad est di Mosca, sesta città più grande della Russia: qui tra 6 mesi esatti si giocherà la decima partita dei Mondiali di Russia 2018, Costa Rica-Serbia in programma il 17 giugno. Qui dove ad inverno iniziato non esistono domeniche né pause, si lavora 24 ore su 24 per completare lo stadio visibilmente in ritardo nella costruzione, il meno pronto sulla tabella di marcia di Vladimir Putin. Non c’è neanche tempo per accorgersi di uno sguardo indiscreto per le centinaia di lavoratori provenienti soprattutto dall’ex Repubblica socialista sovietica del Tagikistan: spostano detriti, trivellano, sistemano in bilico come trapezisti uno dei 32 pannelli sul tetto dello stadio alto oltre 65 metri. Gli innumerevoli mezzi pesanti ed un fuoco acceso per bruciare materiali non infiammabili, rendono persino l’aria gelida di dicembre irrespirabile e polverosa.
Distante circa 15 chilometri dal centro cittadino ed immersa in un bosco, l’arena che potrà ospitare più di 44mila spettatori è ancora difficile da raggiungere per chiunque voglia vedere quello che diventerà il nuovo stadio della Krylia Sovetov, squadra militante solamente nella seconda serie del campionato russo. E non è un caso che anche la storia di questo stadio sia travagliata e fatta di rimandi e aumenti di budget: la prima idea di costruirne uno nuovo proprio nella città che si affaccia sul Volga, il più lungo fiume europeo, venne nel 2010 ma solo nel 2012 Samara fu selezionata come una delle città della Coppa del Mondo. Nel progetto iniziale l’area destinata ad accogliere tifosi locali ed internazionali sarebbe però stata quella sull’isolotto Korovij a sud del centro storico quasi a richiamare lo stadio di San Pietroburgo, ad oggi il più costoso al mondo. Il rischio dell’equilibrio idrogeologico delle coste, la mancanza di infrastrutture e di un collegamento alla terra ferma, costrinsero ad un cambio di marcia.
Nel 2012 fu approvata la zona dove oggi sorge lo stadio e nel 2014 iniziarono i lavori; dopo una prima stima di spesa pari a più di 250 milioni di dollari, la cifra ha già raggiunto i 320 milioni. "Sono sicuro che i Mondiali saranno un’ottima opportunità per la Russia e per Samara - osserva Damir un giovane studente di 21 anni -, ma allo stesso tempo la città non è visibilmente pronta per un evento di grande portata. Non ci resta che aspettare. E sperare".
17.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta