Lo scrittore Saviano e il giornalista Di Lorenzo a confronto
Immagini articolo
'Vi spieghiamo perché
l'Italia è disperata"
STEFANO VASTANO DA BERLINO


Ne hanno discusso per due anni, anche litigando. Non poteva essere diversamente visti i temi trattati: crisi politica ed economica in Italia; emergenza-profughi o quel "fenomeno" che risponde al nome di Silvio Berlusconi. Alla fine, raccontandosi anche l’infanzia - uno è cresciuto prima a Roma, poi, con la mamma tedesca ad Hannover; l’altro a Napoli - Giovanni di Lorenzo e Roberto Saviano ce l’hanno fatta a scrivere a quattro mani un libro ora fra i top in classifica in Germania: "Erklär mir Italien", "Spiegami l’Italia". Siamo andati a cena in una trattoria italiana a Berlino con di Lorenzo - dal 2004 direttore del settimanale Die Zeit - e con Saviano, che ha appena pubblicato "Bacio feroce", la seconda parte del suo romanzo sui Baby killer della mafia. E il primo tema che per forza tocchi con l’autore di "Gomorra", il testo-kult del 2006 sulla mafia napoletana, è quanto oggi in Italia sia cambiata, 11 anni dopo il suo best seller (tradotto in 52 lingue) la percezione e soprattutto la lotta alla criminalità organizzata.
"Anche grazie a quel testo - inizia Saviano, camicia grigia e berretto di lana in testa - il dibattito sulle mafie oggi è più serio, informato. Eppure - ammette con una certa tristezza, ma anche onestà - in Italia non c’è stata una trasformazione epocale del problema". E dopo un attimo di pausa, grattandosi la barba, puntualizza: "Il ritorno sulla scena di Berlusconi ne è d’altronde la dimostrazione". In un Paese con più senso delle leggi forse, i processi e le condanne all’ex presidente del Consiglio e ai suoi fedelissimi "avrebbero squalificato per sempre questa parte politica", nota Saviano. Ma non in Italia.
Come si fa, suona non a caso il sottotitolo del loro libro, "ad amare un Paese che ti spinge alla disperazione"? Tanto più che oggi, aggiunge di Lorenzo, "non si può dire che Berlusconi sia più fresco, ma semmai più ‘restaurato’. Anche se è lui l’anticipazione di quel populismo che vediamo affermarsi ovunque, Usa compresi". Di Lorenzo lo studia da anni il "fenomeno B.", ci ha scritto persino la sua tesi di laurea. Ma nonostante le varie spiegazioni e il libro ora con Saviano, confessa sconsolato: "Non lo comprenderò mai sino in fondo quel fenomeno". Certo, anche Matteo Renzi, "con le promesse non mantenute e una sinistra che non fa che frantumarsi - prosegue di Lorenzo - hanno le loro responsabilità. Ma la peggiore malattia italiana è aspettarsi sempre non tanto un politico, ma un salvatore della patria". Un Messia insomma che, come per miracolo, risolva tutte le rogne degli italiani. Che purtroppo sono tante e, a sentire Saviano, gravissime. "Il mio Paese sta morendo - dice -, ogni anno lo lasciano almeno 100mila persone e siamo il Paese con meno nascite sul Pianeta. Con punte di disoccupazione, al Sud, che superano il 60 per cento. Quindi, o si cambia passo o non c’è più speranza per l’Italia".
Disoccupazione o no, in Germania come in Italia monta una destra sempre più intollerante e razzista. "In Germania - dice di Lorenzo - quest’anno accoglieremo altri 200mila migranti, ma la reazione dei populisti nei due Paesi è differente". Frauke Petry, l’ex segretaria di "Alternative für Deutschland", gli sembra una garbata samaritana nei confronti di Matteo Salvini e della xenofobia sempre più aggressiva della Lega Nord. Anche per Saviano tutta la politica e l’agenda italiana si concentrano oggi sulle dinamiche della migrazione. "I migranti - dice - sono bersaglio e baricentro della campagna elettorale. Di fatto, oggi le destre non devono più spiegare la complessità della situazione in Italia". Da Salvini all’estrema destra di Casa Pound a loro basta incolpare di ogni problema i migranti. O accusare Roberto Saviano, minacciando fra l’altro di togliergli la scorta - ha urlato Salvini - se la Lega andasse al governo. È il punto di non ritorno del dibattitto politico e culturale in Italia: "Oggi - sintetizza Saviano - vieni aggredito, intimidito e delegittimato sul piano personale, ecco la cosa più grave che sta succedendo nel nostro Paese".
Anche per questo, al di là delle lacerazioni nella sinistra o alle promesse di Renzi, Berlusconi sta tornando in scena. E quella di Saviano, conclude di Lorenzo, "resta la voce di un intellettuale che si leva contro il mainstream in Italia". Un Paese che non puoi non amare sino alla disperazione.
17.12.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia